Mercoledì 20/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: il centro sociale Ancescao festeggia i suoi primi dieci anni di vita
Il centro sociale culturale Ancescao di via delle Rose a Narni Scalo, festeggia quest'anno 10 anni di vita. Dieci anni fatti di gite, feste sociali, incontri, trasferte per un centro che conta oltre 250 soci tra i quali numerosi giovani. “Fetsteggiamo con tante iniziative il centro nato dall'idea di un gruppo di cittadini taluni pensionati”, parla il vice presidente, Alberto Binnella, che ha avuto un ruolo davvero centrale per lo sviluppo del centro stesso. Insieme, ovvio, alla presidentessa Gaziella Ragni, sua moglie. “L’amministrazione comunale del sindaco Stefano Bigaroni ci ha messo a disposizione la sede presso l’ex bocciodromo. Mentre Francesco De Rebotti ci ha assegnato altri locali adattati alle nostre esigenze. Ma non è stato facile superare le difficoltà di due presidenze interrotte. Solo il 6 giugno del 2005 abbiamo depositato il primo statuto”, racconta Binnella. Ma come si festeggia un decennale? “L’iniziativa migliore per celebrare il decennale sarebbe stata quella di scrivere un libro per raccontare la vita dell’associazione, per far conoscere il patrimonio di esperienze e di eventi, che sicuramente hanno lasciato una traccia indelebile di solidarietà e di aggregazione nel tessuto sociale del nostro comune e paesi limitrofi”. Come detto in questi 10 anni sono state effettuate gite, feste sociali, festa dei nonni e nipoti, incontri culturali, soggiorni estivi al mare e anche il coro diretto dalla maestra Donatella e che impegna oltre 30 soci. E l'associazione ha raggiunto e superato quota 250: “Facciamo il possibile perché le persone escano di casa e partecipino alle varie attività e giocare a carte, perché il gioco delle carte fa lavorare il cervello, ma soprattutto le persone escono da casa non rimangono sole e stanno in compagnia. Per molti questa è forse una cosa banale, ma è una delle finalità più importanti per un'associazione del genere”, conclude Binnella.
30/11/2015 ore 15:35
Torna su