Giovedì 19/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:44
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: casolare abbandonato al bivio della Marattana, situazione di pericolo per la viabilità
Sta li da chissà quanto tempo e fino a una quarantina di anni fa era probabilmente ancora utilizzato a tempo pieno. Parliamo di quel casolare abbandonato, posto in via Tuderte al bivio con la Marattana, che tutti vedono ogni qualvolta vi passano davanti. Un rudere, sulle cui mura è appeso un cartello che ne segnala in modo inequivocabile la sua pericolosità. Diverso tempo fa i proprietari del vecchio casolare provvidero a recintare l'area sul quale esso si trova con una palizzata e dei teli di plastica verde che in qualche modo proteggevano gli spazi adiacenti, ma con il passare del tempo questa "barriera" è crollata in più punti ed il rischio che dei calcinacci o altro materiale possano cadere su via Tuderte è quanto mai presente. Tra l'altro, la stessa palizzata cadendo a terra sotto i colpi del vento si è piegata fino a toccare la carreggiata, rappresentando un pericolo per la viabilità. I cittadini che ci hanno segnalato il rudere pericolante, si chiedono anche se la presenza di quel casolare abbandonato a pochi metri da via Tuderte e dalla Marattana, possa in qualche modo rappresentare un pericolo. "E se crollasse all'improvviso?", si chiede un lettore. La domanda, per niente peregrina a giudicare dallo stato di degrado in cui versa l'ex casa colonica composta anche da stalle e da un silos, la giriamo ai tecnici comunali che hanno la responsabilità di garantire la sicurezza delle strade e quella delle persone. In casi come questi, quando il rudere non si trova in aperta campagna ma a due passi dal centro abitato e per di più sul ciglio di strade importanti, non sarebbe forse il caso di emettere un'ordinanza con la quale si impone ai proprietari o di ristrutturare e quindi mettere in sicurezza l'immobile, oppure di demolirlo?
10/2/2014 ore 3:00
Torna su