Martedì 14/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: ancora frane a Morellino, il comune chiude il primo tratto di strada per lavori
E' proprio il caso di dire che piove sul bagnato. Gli abitanti di Morellino, dopo i disagi che durano da anni a causa dell'interruzione della strada omonima, da oggi si troveranno a fronteggiare una nuova emergenza. A causa delle piogge dei giorni scorsi, infatti, un tratto di Strada di Morellino è stato interessato da un movimento franoso che ha fessurato il piano stradale in maniera tale da non garantire più il normale transito veicolare. Da qui l'ovvia decisione del comune di dover effettuare interventi di riparazione e messa in sicurezza. Questo comporterà la chiusura di un ulteriore tratto di strada, creando problemi alle numerose famiglie che risiedono in questa vasta zona di campagna. "Ci vorrebbe un intervento radicale - dicono gli abitanti -. Sono anni che chiediamo al comune di aiutarci a risolvere questo problema. Non è possibile che non si trovino i soldi necessari a fare un lavoro definitivo. Sappiamo che un contributo in questo senso deve arrivare dalla Regione, ma il tempo passa e chi ci rimette siamo solo noi che per spostarci, a causa delle frane, delle buche e dell'asfalto dissestato, siamo costretti a fare giri dieci volte più lunghi". Quello che spaventa gli abitanti di Morellino è che l'ordinanza comunale relativa all'intervento parla dell'inzio dei lavori (oggi, 18 marzo 2013), ma non della fine. "Questa strada è davvero nata sotto una cattiva stella - dicono i residenti -. E non c'è un tratto che negli anni non abbia subito danni da richiedere interventi consistenti. La nostra unica colpa è quella di avere scelto di venire ad abitare da queste parti, ma ci sono famiglie che qui ci abitano da più diun secolo. Quello che ci piacerebbe è solo avere una strada dignitosa e percorribile, dall'inizio alla fine. E' un nostro diritto".
18/3/2013 ore 1:53
Torna su