Venerdė 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:09
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: pochi mezzi di trasporto pubblico e situazione difficile per gli studenti che frequentano l'universitā che ha sede a Maratta
Pochi autobus e fermate in mezzo alla strada. Questa la condizione che devono affrontare molti degli studenti narnesi iscritti alla facoltā di scienze della formazione, meglio conosciutas come Dams, che si trova nella zona di Maratta. Tali studenti oltre ad essere serviti malissimo come orari dai mezzi pubblici, si trovano in una grave situazione di pericolo sia in fase di attraversamento della superstrada, che non ha in quel punto nemmeno delle normali strisce pedonali, sia in fase di attesa dei mezzi pubblici. Infatti la fermata, non ha neanche una pensilina e si trova proprio in mezzo alla corsia di accelerazione. Cosė i ragazzi si trovano letteralmente in mezzo a una strada e nelle ore di punta diverse decine di persone rischiano di essere travolte dalle auto che percorrono la Marattana. Le cose si complicheranno sicuramente nei prossimi mesi, con pioggia e mal tempo e durante le ore notturne: infatti le lezioni terminano di norma intorno alle 19. E quindi, mentre si comincia a discutere di progetti e sviluppo per il polo univesitario ternano, ivi compresa la realizzazione di un consorzio separato di gestione, l'universitā narnese si trova ad affrontare i primi problemi di ordine logistico. Un fatto grave, almeno secondo alcuni. E comunque una situzione da "riparare". Non solo per consentire agli studenti di poter fruire agevolmente e in libertā degli spazi messi loro a disposizione dalla struttura universitaria. Quanto soprattutto per evitare che possano verificarsi episodi gravi, drammatici. Come, ricordano in cittā, "purtroppo č giā successo in passato". Questa la preoccupazione di molti genitori, spaesati di fronte ai racconti dei loro figli. I quali allo stesso modo reagiscono con sorpresa di fronte a tali disagi che si verificano in una struttura che ha appena qualche anno di etā. Entrambe reazioni che ora chiedono comunque di essere ascoltate.
14/10/2004 ore 15:35
Torna su