Giovedì 19/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: parte bene la 43esima edizione della Corsa all'anello, stasera atteso spettacolo dei Micrologus
Un avvio di quelli importanti per la Corsa all’Anello. Nonostante il maltempo del giorno di Pasquetta, che ha in qualche modo rovinato la festa, gli organizzatori si ritengono molto soddisfatti, soprattutto in relazione al gran numero di visitatori che hanno gremito il centro storico nei primi tre giorni. La pioggia caduta nella giornata di lunedi ha più che altro condizionato lo svolgimento del mercato medioevale, tanto che ad un certo punto gli espositori sono stati costretti a riporre i prodotti e gli articoli esposti e ad andarsene. Il mercato tornerà nel prossimo fine settimana, con la speranza che le condizioni meteorologiche siano migliori. Pienone assoluto, anche con la pioggia, per le osterie dei terzieri, prese d’assalto da migliaia di avventori. Ieri il tempo è stato più clemente e dunque i piccoli figuranti del terziere Santa Maria, con i tamburini in erba hanno potuto fare la loro applauditissima esibizione, sfilando per le vie del centro storico. Buon successo in serata anche per lo spettacolo della Compagnia dell’Inserenata, che si è svolto nel Chiostro di Santa Restituta. Oggi il programma prevede alle 16,30 in piazza dei Priori l’originale torneo di kubb, che vedrà la partecipazione dei bambini della ludoteca comunale di Narni ed in serata due spettacoli; entrambi alle 21,30. In piazza Pozzo della Comunità il gruppo teatro danza Il Corteggio di Mezule presenta “Che fuoco sia acceso”, mentre alla stessa ora, nell’antica chiesa della Madonna Impensole, i Micrologus presentano “De’ poni amor a me”. E il ritorno dell' Ensemble Micrologus in città verrà accolto con l’entusiasmo di sempre, in quanto il gruppo è stato tra i primi in Italia a contribuire alla riscoperta della musica medievale e dello spirito con cui fare questa musica oggi. La ricerca delle fonti, le indagini storiche, paleografiche, organologiche ed iconografiche (che hanno permesso, in certi casi, di ricostruire strumenti musicali unici), lo studio e la comparazione dell'etnomusicologia sono infatti alla base del lavoro dell' Ensemble Micrologus.
27/4/2011 ore 0:15
Torna su