Giovedì 23/03/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 17:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: nasce il "Circuito Ambienti Medioevali", turisti e visitatori alla scoperta della città antica
Si chiama "Circuito Ambienti Medioevali" ed è l'iniziativa lanciata da Sistema Museo. Si tratta di un progetto che si propone lo scopo di potenziare quel circuito medioevale già presente in città. Un'idea molto semplice che intende offrire ai turisti che transiteranno per Narni la possibilità di visitare i ‘luoghi’ medioevali aperti tutto l’anno, ma che in modo particolare durante la Corsa all’Anello, diventano il fulcro della più importante festa cittadina. “"Noi - spiegano da Sistema Museo ed il Museo di Palazzo Eroli, in collaborazione con i comitati dei tre terzieri, l'Associazione Ente corsa all'Anello e il Comune di Narni, inaugureremo sabato 26 marzo il ‘Circuito Ambienti Medievali’ come percorso permanente a disposizione di turisti, cultori e curiosi che vogliono esplorare il Medioevo narnese attraverso l’esperienza diretta. Nel termine ‘circuito” – spiegano gli ideatori del progetto -, si riassume finalmente la collaborazione auspicata da molti anni ed oggi, finalmente diventata, realtà. Nel pomeriggio di sabato 26 marzo avrà luogo l’inaugurazione del ‘Circuito Ambienti Medievali’, che prenderà le mosse a partire dalla Platea Major, l’attuale piazza dei Priori. Successivamente le visite diventeranno ‘quotidiane’ ed i turisti potranno prenotarsi presso il museo cittadino in via Aurelio Saffi. Una guida sarà a loro disposizione per spiegare, nei vari punti previsti dal percorso, ogni più piccolo particolare inerente chiese, monumenti e antiche botteghe artigiane che si stanno visitando. Il circuito degli ambienti medievali di Narni rappresenta per il visitatore ed il turista un'affascinante e particolare esperienza in cui storia, arte, tradizioni curiosità e bellezza si intrecciano e si identificano nella città e nella festa del nostro tempo”.
24/3/2016 ore 5:00
Torna su