Domenica 05/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: multe in arrivo scattate da macchinette montate "a caso" dentro agli speed-check
Attenzione agli "innocui" speed-check. Alcuni di loro, a rotazione, vengono "caricati" con un impianto che fotografa chi passa a velocità sostenuta. Con successivo invio di sonore multe a casa degli automobilisti trasgressori e, in alcuni casi, con relativa decurtazione dei punti dalla patente. Da qualche tempo, infatti, alcuni speed-check conterrebbero le apparecchiature di rilevazione della velocità, che "immortalano" quelli che superano i limiti. A dare conferma della cosa è l'assessore alla Viabilità e Polizia Municipale, Marco Mercuri. "A quello che mi risulta - afferma -, le contravvenzioni per eccesso di velocità sono aumentate di molto. D’altra parte non si può dire che quei grossi contenitori arancioni non si vedano chiaramente e siccome lo scopo per il quale sono stati acquistati è quello di indurre gli automobilisti ad andare più piano, questi apparecchi stanno lì per fare il loro lavoro. Sono ingenui coloro che pensano che debbano tutti e sempre essere per forza 'vuoti'. ovvero senza impianto cherileva la velocità". Sarebbero circa 150 le contravvenzioni già pronte, in "lavorazione" presso il sistema informatico del comune, prima di essere inviate a casa degli automobilisti che hanno infranto i limiti di velocità. Gli speed-check si trovano ormai su tutte le strade cittadine, soprattutto quelle secondarie, a cominciare da strada di Marrano, fino a via Capitonese, via Ortana, Tre Ponti, ex Tiberina e via Flaminia. Il rovescio della medaglia, che in qualche modo potrebbe far tirare un sospiro di sollievo a quegli automobilisti che temono di avere infranto i limiti su qualcuna di questre strade, è rappresentato dal fatto che il comune di Narni ha solo un' apparecchiatura di rilevamento che deve essere montata e smontata ogni qualvolta viene deciso di attivare quel dato speed-check. Questo sta a significare che le probabilità di incappare proprio in "quella" macchinetta attiva in quel dato giorno, sono abbastanza minime. A volte i vigili, per fare prima, appoggerebbero il congegno sopra al contenitore arancione, in un modo che non ci si fa caso, ma facendola funzionare lo stesso. C’è qualche incongruenza sui contenitori e la velocità indicata. Sulla Flaminia viene indicato il limite di 60 km orari, ma negli alloggiamenti delle macchinette c'è scritto "50 km". Si tratta di elementi che giocano a favore degli automobilisti che potrebbero, nel caso ricevano una multa fatta da una di queste postazioni, fare ricorso.
6/6/2013 ore 3:03
Torna su