Martedì 11/12/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: mercoledi 28 marzo a Palazzo Eroli tavola rotonda per parlare di "Violenza di genere"
Mercoledì 28 marzo, presso la Sala del Camino di Palazzo Eroli a Narni, alle 16.30 avrà luogo una tavola rotonda sul tema: "Violenza di genere. Forme di prevenzione e di contrasto". Alla discussione prenderanno parte la professoressa Anna Loretoni, docente di Filosofia politica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, la professoressa Gaetana Morgante, docente di Diritto penale presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e la presidente del Tribunale di Terni, Rosanna Ianniello. L'iniziativa, promossa dall'associazione Antigone. Donne per Narni città plurale, vede la collaborazione del Comune di Narni e della Commissione Pari Opportunità. L'avvocato Gabriella Caponi, del Foro di Terni, introdurrà la discussione. "La rilevanza del tema - si legge in un comunicato -, è sotto gli occhi di tutti e non ha bisogno di giustificazioni. Le cronache ci restituiscono ogni giorno casi di femminicidio, di molestie e di stalking, le cui principali vittime sono donne e bambini. La tavola rotonda vuole affrontare i caratteri della violenza di genere come dimensione strutturale e non episodica delle nostre società, caratterizzata da persistenti forme di maschilismo e patriarcato. Accanto ai fenomeni più estremi di violenza, verranno prese in esame anche altre forme, in primo luogo quella violenza simbolica che fa dei corpi delle donne dei meri oggetti del desiderio maschile, in primo luogo tramite l'uso del corpo femminile proposto dai mass media al largo pubblico. Verranno poi affrontati i temi relativi al Diritto penale e alla recente Convenzione di Istanbul, che molto potere dà agli Stati in tema di misure di prevenzione contro la violenza. La presidente del Tribunale di Terni farà, infine, riferimento alla sua diretta esperienza nella gestione processuale dei diversi casi di violenza". "La finalità di questa riflessione - afferma Anna Loretoni -, è quella di disseminare una cultura dell'attenzione consapevole sul tema della violenza di genere. Questa cultura, che è fatta di conoscenza del fenomeno, dei dati e degli strumenti giuridici, è la base di partenza per costruire anche nel nostro paese una cultura del rispetto e della convivenza pacifica tra i generi".
26/3/2018 ore 12:32
Torna su