Mercoledì 20/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:25
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: mercato coperto in agonia, storia di una struttura che non è mai decollata
Un’agonia durata meno di un anno. Per l’esattezza 9 mesi. Tanti ne sono stati sufficienti per capire che le cose non andavano. E per far prendere a quei commercianti, che pure avevano accolto con entusiasmo l’idea di trasferirsi nei nuovi locali, la decisione di mollare. Parliamo del mercato coperto di via dei Nobili, che l’amministrazione comunale a novembre dello scorso anno aveva inaugurato sperando in un futuro diverso della struttura. I magri affari con i quali ambulanti e commercianti “fissi” hanno dovuto fare i conti hanno costretto questi a prendere decisioni drastiche. Il mercato ad oggi è semideserto. Pochissimi gli avventori, pressoché inesistenti i banchi aperti. Giusto quelli del contadino che a turno viene a vendere la verdura ed il pescivendolo che ancora viene il martedì ed il venerdi. Il comune ha in mente di fare qualcosa per salvare e rilanciare la struttura? Non lo sappiamo. Di certo l’assessorato competente, quello al Commercio, ha avuto mesi di tempo per intervenire e metterci una toppa, ma fino a questo momento non sono state trovate soluzioni. Perché? Se lo chiedono in primis gli operatori, poi anche i cittadini del centro storico. Benchè, è giusto dirlo, la maggior parte di essi non si siano mai dannati per andare a fare la spesa nella nuova struttura. “E’ scomodo”, ha detto qualcuno. “Bisogna scendere con l’ascensore, oppure fare delle scale che d’inverno non sono troppo sicure”, si sono giustificati altri. Scuse, che reggono fino ad un certo punto, in quanto il grande salone realizzato dal comune in via San Giuseppe, con ingresso anche da via dei Nobili, è comunque accogliente e funzionale. Insomma, è giusto dare un colpo alla botte e l’altro al cerchio. Il comune avrà pure le sue belle responsabilità, ma in questo caso qualche “colpa” ce l’hanno anche quei cittadini che hanno “snobbato” il nuovo mercato coperto, che ora sta andando verso la deriva.
13/8/2016 ore 3:53
Torna su