Domenica 12/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Mario Persio attacca gli amministratori comunali: "gestiscono la cosa pubblica con l'arroganza di chi si sente padrone"
Il bilancio consuntivo del Comune di Narni passa con i voti dei consiglieri di maggioranza ma viene bersagliato dalla gragnuola di colpi sparati dalle due frange dell'opposizione. I membri della Cdl sono usciti dall'aula e non hanno addirittura partecipato al voto, mentre Rifondazione Comunista e Uniti Per Narni si sono astenuti. Duro l'attacco portato alla Giunta da Mario Persio, il capogruppo della lista Uniti per Narni, che ha colto l'occasione per muovere una serie di rimproveri agli amministratori riguardo il modo di gestire la cosa pubblica. Partendo proprio dal bilancio consuntivo "che doveva essere presentato entro il 30 di giugno e che viene portato in consiglio con tre mesi di ritardo". Ma Persio si è lamentato anche del fatto che "ho cercato inutilmente per intere settimane di avere accesso al dossier che racchiude il rendiconto contabile finale del Comune, ma solo qualche giorno fa sono riuscito ad averlo. Come si può pensare di presentare al vaglio del Consiglio un documento così importante senza avere dato tempestivamente modo a tutti i consiglieri di poterlo visionare e analizzare in tutte le sue componenti?". Persio non usa mezzi termini per definire gli amministratori narnesi: "il loro modo di fare è tipico di chi con arroganza si sente padrone delle cose che è stato chiamato a gestire, ma questi signori si dimenticano che stanno amministrando una città ed un territorio che appartiene a tutti noi e dei quali nessuno è proprietario". Poi Persio torna sul bilancio: "ho rapportato il documento con quello degli anni scorsi e sembra di leggere sempre lo stesso documento: cambiano le cifre ma la parte descrittiva è sempre la stessa, tanto che mi è venuto il sospetto che sia stato l'Anci a fornire al nostro Comune uno stampato standard che qualche funzionario ha poi pensato a ricopiare. Non mi sembra questo il modo corretto per affrontare una gestione complessa e delicata come è quella di un comune di 20.000 abitanti".


28/9/2007 ore 10:35
Torna su