Mercoledì 15/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:06
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: l'Udeur sconfessa la Bozza e Ceccarelli, "ora fanno finta di niente, ma le decisioni le avevamo prese insieme"
Uno sconfessa l'altro e la battaglia politica va avanti. La polemica che si è innescata all'interno del partito dei Popolari Udeur e della lista civica "Moderati per Narni" si arricchisce ogni giorno di nuovi colpi di scena. Tutto era cominciato con un comunicato, inviato alla stampa dall'indirizzo di posta elettronica di Gino Capotosti, nel quale veniva chiesto a Bigaroni di rivedere deleghe ed incarichi importanti e dove l'Udeur chiedeva per se delle poltrone. L'assessore Simona Bozza e il consigliere comunale Sergio Ceccarelli, entrambi espressione della lista "Moderati per Narni", si erano prudentemente fatti da parte rispetto ai contenuti di quel comunicato, mentre ieri, un nuovo comunicato è partito dalla segreteria dell'onorevole Capotosti. E qui viene il bello, perché nella lunga nota viene detto, senza mezzi termini, che sia la Bozza che Ceccarelli avevano concordato insieme agli altri esponenti dell'Udeur la strategia "dirompente" con la quale battere cassa nei confronti di Bigaroni. "All'incontro di domenica scorsa c'eravamo tutti – afferma Gino Svizzeretto del coordinamento comunale dell'Udeur -, come mai sia la Bozza che Ceccarelli, che avevano approvato determinate scelte, ora fanno finta di niente e negano addirittura di essere a conoscenza di certe decisioni? Entrambi dicono di appartenere a una lista civica, dimenticandosi che in fase di campagna elettorale è stato l'Udeur a supportare la stessa lista". Parla anche Valerio Galliani, segretario provinciale dei Popolari Udeur, il quale si rammarica di non aver fatto sottoscrivere sia al consigliere che all'assessore, il documento con il quale venivano verbalizzate le strategie da perseguire. Galliani fa anche delle allusioni "minacciose": "la prossima riunione potrebbe essere anche quella utile a mandare a casa qualcuno". Che volesse riferirsi agli esponenti della lista civica?
23/11/2007 ore 11:28
Torna su