Lunedì 10/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: le frecce stanno ancora lì ed il Pdl attacca i vigili urbani: "perchè non sono intervenuti?"
E’ passato un mese e mezzo da quando sono state realizzate, ma nonostante le proteste di cittadini ed esponenti politici le “frecce” pitturate sulle strade del centro con la vernice, stanno ancora lì. Ed a questo punto è ancora una volta il consigliere del Pdl Sergio Bruschini e prendere l’iniziativa dando l’ultimatum al Comune. “Tutti – dice Bruschini – erano a conoscenza di questo scempio, compresi i vigili urbani che però in tutto questo tempo non hanno preso alcuna iniziativa. Mi chiedo in base a quale criterio i vigili di Narni non abbiano provveduto a multare i responsabili dell’imbrattamento, applicando le norme previste dal regolamento comunale che in questo senso sono più che esplicite. L’articolo 8, in proposito non ammette dubbi, ‘sul suolo pubblico – dice - è vietato eseguire giochi che possono creare disturbo alla viabilità, danno o molestia alle persone o animali, o comunque deteriorare immobili o cose come ad esempio l’uso di bombolette spray di qualsiasi genere…’. Il mancato rispetto prevede sanzioni amministrative e l’obbligo da parte di chi ha imbrattato le strade di farle ripulire da personale qualificato che rimuova in modo perfetto ogni traccia di vernice dal porfido delle strade”. “Visto che nessuno – insiste Bruschini -, tra amministratori ed agenti della polizia municipale, si è preso la briga di andare a cercare i responsabili dello scempio, sono io, in qualità di consigliere comunale, a chiedere, e ad esigere, che si vada a fondo di questa grave vicenda che ancora una volta ha messo in grande evidenza la cialtroneria con la quale il nostro sindaco e i suoi degni assessori affrontano il tema riguardante la pulizia delle strade della nostra città e delle frazioni”.
19/10/2011 ore 0:53
Torna su