Mercoledì 01/04/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:01
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: le "Assemblee Territoriali" non decollano, critiche dai presidenti verso il Comune, ma Purgatorio promette: "Miglioreremo"
Assemblee territoriali nove mesi dopo. Bilancio tutt’altro che positivo. Almeno stando a quanto riferiscono i presidenti di queste circoscrizioni e a quello che pensano i consiglieri eletti nei cinque consigli direttivi. Sia gli uni che gli altri si lamentano per la scarsa, se non addirittura inesistente considerazione che gli viene data dal Comune e rimangono sorpresi di questo atteggiamento “quando – dicono – era stata proprio l’amministrazione comunale a spingere perché queste assemblee nascessero”. Insomma quella collaborazione dal basso e quella partecipazione di cui tanto si era parlato un anno fa alla vigilia delle elezioni dei consigli direttivi delle cinque circoscrizioni comunali sembrano non trovare riscontro con la realtà dei fatti. “L'assemblea di ‘Narni Capoluogo’ – ha detto il presidente Angelo Valle -, dopo nove mesi di attività, si trova costretta ad esprimere nuovamente le propria insoddisfazione per la carenza di risposte concrete da parte dell'amministrazione comunale alle segnalazioni ed alle proposte avanzate. Riteniamo pertanto opportuno chiedere un nuovo incontro al sindaco ed agli assessori maggiormente interessati per addivenire ad un chiarimento che consenta all'assemblea di assolvere più serenamente e proficuamente ai propri compiti istituzionali”. Stessa musica per quanto riguarda l’Assemblea Territoriale “Narni est” dove il presidente Marco Ricci non fa mistero delle difficoltà riscontrate nel primo periodo di attività. “”Si sono palesate lacune organizzative da parte del Comune – spiega Ricci -. Ciò significa che da un punto di vista pratico capita sistematicamente che vengano fatte delle richieste alle quali nessuno da risposta. Noi più che riunirci, parlare e discutere dei problemi del nostro territorio, mettere a verbale e consegnare poi gli atti agli assessorati competenti non possiamo fare. Ne abbiamo parlato con il sindaco e con l’assessore competente e loro stessi hanno riconosciuto questo tipo di difficoltà e si sono impegnati a fare in modo che in futuro le cose procedano in modo diverso. Staremo a vedere se sarà vero. Intanto però – avverte Ricci – molti consiglieri hanno perso la voglia di partecipare alle riunioni e questo è già un sintomo evidente del malcontento che si registra tra coloro che erano stati eletti per fare da portavoce ai cittadini dell’intero territorio comunale”. Renato Purgatorio, vice sindaco e assessore all’Urbanistica del Comune di Narni è pronto ad ammettere che qualcosa in questi 9 mesi non ha funzionato nei rapporti tra le cinque Assemblee Territoriali ed il Comune. “Si sono verificate una serie di circostanze che hanno in qualche modo rallentato il buon andamento della macchina organizzativa – ammette Purgatorio -, questo però non significa che nessuno di noi abbia tenuto in considerazione le indicazioni che ci sono arrivate dai consigli direttivi circoscrizionali. Tutta la documentazione che è stata recapitata in comune è al vaglio degli assessorati competenti e mi impegno a garantire che da qui in avanti il rapporto tra ogni singola Assemblea e l’amministrazione comunale venga rinsaldato”. Il vice sindaco puntualizza tuttavia un aspetto: “ho notato che in questa prima fase di attività delle Assemblee Territoriali, dai direttivi sono arrivate una sequenza di indicazioni riguardanti i vari problemi che i cittadini lamentano sui territori di loro competenza. Per fare in modo che da parte nostra si possa intervenire in modo razionale quanto efficace, credo sia opportuno che alla base delle segnalazioni che ci pervengono, i comitati direttivi e gli stessi presidenti di ogni Assemblea stabiliscano delle priorità, altrimenti risulta difficile fissare tempi e modalità di intervento, per migliorare quelle situazioni che più di altre meritano attenzione”.
3/11/2006 ore 11:23
Torna su