Martedì 30/05/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:23
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: lavori a "rilento" all'ingresso dell'ospedale, disagi per le persone, Bazzucchi se la prende con Usl e Comune
Lamenta dei tempi troppo lunghi per la realizzazione di alcuni lavori di ristrutturazione in corso all’ingresso dell’ospedale di Narni. Lui, Maurizio Bazzucchi, medico ed ex consigliere comunale del Pd, parla di “disagi” per pazienti e visitatori e di “penalità” non previste nel capitolato dei lavori. “Il documento che ha permesso di assegnare l’appalto alla ditta che sta eseguendo i lavori – afferma Bazzucchi -, avrebbe dovuto prevedere tempi stringenti sulla loro realizzazione, con penali salatissime per ogni giorno di ritardo ingiustificato nella consegna. Il disagio per l’utenza, nell'usufruire dell’ingresso alternativo è grande, per non parlare dei disabili che, come me, necessitano di aiuto per entrare ed uscire dall’attuale ingresso provvisorio. Sono sicuro che se i lavori fossero stati assegnati ed eseguiti con le specifiche temporali sopra descritte, essi avrebbero visto partecipare all’appalto solo ditte con adeguato numero di dipendenti ma, soprattutto, macchinari e mezzi tecnici in grado di soddisfare le esigenze del caso. Mi auguro - sottolinea Bazzucchi -, che in futuro l’Ufficio Tecnico della Usl rediga un capitolato secondo i criteri di cui ho appena parlato; che il settore amministrativo dell’azienda sanitaria indichi la gara di appalto e che l’assegnatario della stessa lo espleti rapidamente. Poi auspico una maggiore e più costante vigilanza sulle fasi riguardanti i lavori assegnati per fare in modo che vengano rispettate tutte le clausole scritte sul contratto di appalto.Ulteriore azione di sorveglianza avrebbe dovuto svolgerla l'assessore comunale narnese alla Salute in quanto la manutenzione e l'ammodernamento dell'ospedale di Narni viene ancor prima del suo potenziamento, ma, tant’é. La realtà dei fatti è che ad oggi i lavori - 21 marzo 2017- non sono ancora terminati.
21/3/2017 ore 13:51
Torna su