Domenica 17/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:52
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: inaugurata l'undicesima edizione di "Tracce", il percorso va dal Suffragio a San Domenico
Si intitola “Tracce sparse” l’edizione 2016 di “Tracce” la mostra di arte contemporanea, promossa da Comune e associazione MinervA Arte, che si è aperta a Narni in occasione della 48esima Corsa all’Anello. L’edizione di quest’anno, l’11esima consecutiva, riferiscono gli organizzatori, segna un ritorno al passato recuperando le origini di rassegna d’arte non convenzionale dove la ricerca e la proposta artistica diventano percorso da scoprire. La mostra presenta installazioni artistiche ambientali, performances, esposizioni di oggetti artistici (foto, quadri, sculture), presentazioni di libri, mercatini, musica e animazione di spazi pubblici di recente apertura al pubblico. Il tutto lungo il percorso che va dal parcheggio del Suffragio alla ex chiesa di San Domenico, dove anche quest'anno verranno esposte le opere di artisti collegati con la città e organizzati incontri su tematiche varie. “Fin dal primo anno - spiega la presidente di MinervA Arte Maria Cristina Angeli - la mostra assunse un ruolo non comune a tutte le esposizioni d'arte: la formula era allestire una mostra in luoghi restituiti alla città dopo essere rimasti chiusi per anni al pubblico per lavori di restauro. Un viaggio emozionante in luoghi ricchi di storia e di tracce”. Numerosi gli artisti provenienti da varie nazioni, insieme alla presenza dell’Accademia delle Belle Arti di Roma, Corso di Scultura Ambientale e Lapis Tiburtinus. Saranno realizzate opere in grande scala in pietre laziali in un workshop di allievi scultori dell' Accademia e una mostra di sculture e istallazioni create nel corso dell' anno accademico di Scultura tenuto dalla docente, Oriana Impei. Presente sarà anche il centro di formazione Arti e Mestieri Virgilio Alterocca, per offrire alla comunità un luogo di formazione tecnica altamente professionalizzante che possa contribuire alla riscoperta e qualificazione di mestieri e abilità artigianali antiche ma che si affacciano oggi ad un mercato del lavoro moderno. La mostra all’auditorium San Domenico ospita anche due progetti fotografici: “La sottile linea rossa”di Paolo Alberini, promossa dall’Avis, e l’esposizione dell’associazione Sator con i ragazzi del progetto Sprar Narni DM e quelli ospiti della struttura d'accoglienza "Villa Renata".
24/4/2016 ore 4:25
Torna su