Lunedì 24/07/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:43
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il sindaco De Rebotti entusiasta dopo l'incontro con la delegazione cinese
Narni strizza l'occhio alla Cina. Il sindaco De Rebotti, come annunciato, ha incontrato nei giorni scorsi una delegazione di cinesi della città di Wuhan. Da questo incontro il primo cittadino di Narni si aspetta molto. “Abbiamo messo a disposizione degli ospiti del Sol Levante - dice - tutto il nostro bagaglio di competenze tecniche, logistiche e culturali per aiutare la metropoli di Wuhan (una città che ha oltre 10 milioni di abitanti) la più popolosa città della Cina centrale, a realizzare il loro grande progetto: un intero villaggio costruito secondo le tecniche costruttive, i servizi e lo stile dell'Europa centrale. Noi siamo molto interessati a questa collaborazione per avere anche dei risvolti turistici, ma anche produttivi, visto che i delegati cinesi hanno palesato un forte interesse per la nostra storia ma anche per il nostro tessuto industriale”. De Rebotti, insomma, mostra grande ottimismo dopo l'incontro con i manager incaricati dalla città di Wuhan per carpire i segreti delle città europee e riprodurli nell'estremo Oriente. Sia chiaro, non ritroveremo la città di Narni riprodotta nella Cina centrale. L'interesse è piuttosto quello di riprodurre più i sistemi di gestione oltre che l'architettura: “Loro non hanno i nostri sistemi di gestione che usiamo noi per qualsiasi cosa, dalle scuole ai servizi idrici ai trasporti”, prosegue De Rebotti. Il "contatto" l'ha creato l'assessore alla Cultura Gianni Giombolini che ha gestito la trattativa fino a portare la delegazione di Wuhan a Narni. “Intanto - hs detto ancora il Sindaco -, abbiamo manifestato interesse e aiuteremo i tecnici cinesi che hanno già conosciuto tutta la città, sia il Centro che lo Scalo che le frazioni. Vedremo nel prosieguo come trarre vantaggi economici, turistici e, perché no, produttivi da questo importante link”.
1/12/2012 ore 0:45
Torna su