Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:07
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: i vigili vanno in pensione ma non c'è chi li rimpiazza e l'organico si riduce all'osso, a rischio la copertura di molti servizi
Si aggrava la situazione riguardante l’organico dei vigili urbani di Narni. In questi giorni stanno per andare in pensione altri due vigili che hanno raggiunto il limite di età e nel giro di un anno toccherà ad altri due; questo significa che dei 15 elementi attualmente in forza al comando di via del Campanile ne resteranno 11, un numero nettamente insufficiente a coprire i tanti servizi che la polizia municipale deve svolgere sul territorio. A mitigare lievemente la situazione sarà l’assunzione di un nuovo vigile che entrerà a far parte del Corpo entro la fine di questo mese. Proprio ieri, infatti, i candidati rimasti in lizza per contendersi il posto hanno svolto la prova orale e quindi il concorso è giunto alle battute finali. “La situazione è al limite del collasso – spiega l’assessore alla Polizia Municipale Enzo Proietti Grilli – perché con un organico ridotto all’osso ci è impossibile garantire la copertura di tutti i servizi. Per una città di 20.000 abitanti come è Narni sarebbero necessari almeno 20 vigili effettivi, andare avanti con 15 è stato fino ad oggi molto complicato ma lo sarà ancora di più tra poco tempo quando rimarremo con un organico di 11 uomini”. La situazione che è venuta a determinarsi non sorprende più di tanto il tenente Remigio Longhi attuale vice comandante della polizia municipale di Narni: “Che il nostro Corpo fosse composto in larga parte da elementi anziani si sapeva da un pezzo – spiega – quindi sarebbe stato necessario preoccuparsi per tempo di cosa sarebbe accaduto quando questi dipendenti avessero raggiunto il massimo dell’anzianità di servizio. Ora con i limiti imposti dalla Finanziaria è impensabile rimpiazzare tutte insieme quattro persone che se ne andranno in pensione ed il Corpo sarà costretto a sopportare ancora più sacrifici perché in un modo o nell’altro dovrà comunque garantire la copertura dei servizi”. Ed è su questo versante che si sposta la preoccupazione dei cittadini i quali già da tempo reclamano una maggiore presenza dei vigili nelle vie della città, per controllare il traffico ed i parcheggi. “Siamo troppo pochi – è stato sempre risposto dal comando di via del Campanile – se ci mettessimo tutti i giorni a fare anche i controlli dei divieti di sosta nelle vie più nascoste del centro storico – non potremmo occuparci di altri servizi più urgenti”. Soluzioni alle viste non ce ne sono, l’unica potrebbe essere quella relativa all’indizione di un nuovo bando di concorso “che faremo partire appena possibile” assicura Proietti Grilli, “ma che non potrà certo fornire risultati immediati”. Come dire che per vedere un nuovo vigile, oltre a quello che prenderà servizio entro questo mese, bisognerà aspettare almeno due anni. Troppi per la situazione attuale di Narni.
10/4/2006 ore 10:25
Torna su