Martedì 19/06/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: gli alunni della scuola dell'infanzia "San Bernardo" protagonisti di un progetto dove si impara l'inglese
Lo scorso mese di marzo presso la scuola dell’infanzia “San Bernardo” di Narni, ha preso il via il progetto "Children…are you ready? Now we speak English". Si tratta di un importante progetto messo a disposizione dell’Unione Europea il cui fine è quello di perseguire per ogni cittadino l'apprendimento di almeno due lingue straniere oltre a quella materna, iniziando preferibilmente in età precoce. A tal fine l'UE ha inserito l'apprendimento delle lingue tra le sue priorità più urgenti, erogando finanziamenti per numerosi programmi e progetti in materia. L’Istituto Comprensivo di Narni Centro, ha partecipato al bando indetto dalle UE, ed è stato assegnatario di alcuni finanziamenti per l’attivazione di tali progetti. "E' ormai accertato - si legge in un comunicato diffuso dalla scuola San Bernardo -, che mettere i bambini in contatto con altre lingue sin dalla primissima infanzia può influenzare, oltre che l'apprendimento futuro, anche l'atteggiamento nei confronti di altre culture, con grandi benefici sul piano linguistico, cognitivo, affettivo e sociale. Nell'ordinamento della scuola dell'Infanzia italiana non è previsto l'insegnamento delle lingue straniere, tuttavia, da molti anni, si stanno realizzando esperienze di 'avvicinamento' precoce dei bambini ad una lingua straniera coinvolgendo in particolare quelli di 5 anni. Sulla base di questi orientamenti i docenti della scuola dell'infanzia dell'istituto hanno attivato percorsi di avvicinamento alla lingua inglese e/o attività di sensibilizzazione alle pluralità di culture e lingue. Il progetto 'Children…are you ready? Now we speak English' di insegnamento della lingua inglese nelle quattro scuole dell'infanzia dell'Istituto, si fonda sulla consapevolezza che oggi tutti i bambini sono inseriti in un contesto socio-culturale multietnico e debbano essere messi nelle condizioni di stabilire tra loro rapporti di positiva convivenza, attraverso un'educazione alla multiculturalità, ovvero alla conoscenza, comprensione e rispetto di usi, costumi, culture e lingue diverse dalla propria. Un altro aspetto importante del progetto 'Children are you ready? Now we speak English', prevede il coinvolgimento dei genitori dei bambini che potranno partecipare alle attività durante la fase di realizzazione. Numerosi studi attestano la presenza di una significativa correlazione tra il coinvolgimento dei genitori nella vita scolastica dei figli e i risultati positivi a scuola di questi ultimi e sottolineano come una relazione 'buona' tra genitori e scuola costituisca un supporto essenziale per un apprendimento efficace". "Alla scuola dell’infanzia San Bernardo - continua la nota -, sono iscritti al progetto europeo Pon di Inglese, 22 alunni di 5 anni e le lezioni sono tenute dall’insegnante madrelingua Goss Katie Sue, sono previsti 15 incontri di 2 ore ciascuno. Le attività che si svolgeranno, saranno presentate agli alunni in forma orale e ludica, rispettando i naturali ritmi e tempi di apprendimento di ogni bambino. Fra le attività scelte, mirate primariamente a sviluppare ascolto e comprensione , seppur in modo semplice e divertente, produzione orale, predominano attività di 'Total Physical Response'. Saranno utilizzate semplici filastrocche e canzoni che, oltre ad essere un buon esercizio linguistico per acquisire scioltezza e fluidità linguistica, sono altamente motivanti. Durante gli incontri saranno create situazioni di scambio verbale attraverso il gioco in tutte le sue forme, l'attivazione di tutti i canali sensoriali per favorire la memoria a lungo termine, l'uso di un mediatore fantastico (un personaggio chiave che i bambini impareranno a conoscere e a riconoscere), l'utilizzo di canti, rime e filastrocche".
24/5/2018 ore 13:23
Torna su