Martedì 14/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:10
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: giovane 32enne di Capitone trovato morto nei pressi della rocca lungo la strada che porta al "Bastione", si sospetta l'overdose
Morire in una giornata di primavera. A soli 32 anni. A pochi metri dalla rocca di Narni, con decine di persone venute a godersi il primo vero sole della stagione ed il suono dei tamburi che annunciano l’imminente arrivo della corsa all’anello. Uno scenario che stride con il lugubre rituale di una morte uguale a tante altre. E Narni, purtroppo, ne ha viste tante negli ultimi trenta anni di giovani vite stroncate. Si parla di overdose, anche se dovrà essere l’autopsia a chiarire meglio le cause che nel pomeriggio di oggi (sabato) hanno provocato la morte di M.R., trentaduenne nato a Terni ma residente da sempre a Capitone. Il giovane si trovava insieme ad un suo amico lungo la strada che dal piazzale della rocca conduce al “Bastione”. I due erano arrivati a bordo di una “Saxo” bianca che avevano parcheggiato sul ciglio della strada, a ridosso del boschetto. Quello che è accaduto di preciso dal momento in cui hanno deciso di fermarsi lì lo potranno chiarire solo le indagini dei carabinieri. Si sa soltanto che intorno alle 15,30 qualcuno ha chiamato il centralino del 118 per chiedere aiuto: “C’è un ragazzo che si è sentito male vicino alla rocca. Correte!”. Ma quando gli operatori sono arrivati non hanno potuto fare nulla: il giovane era già morto, disteso per terra, accanto alla macchina. Immediato l’allarme ai carabinieri di Narni che sono arrivati sul posto per effettuare i rilievi di rito. Solo qualche ora più tardi, dopo che i famigliari del giovane morto avevano proceduto al triste compito del riconoscimento, la salma è stata rimossa.
8/4/2006 ore 21:55
Torna su