Sabato 08/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: genitori infuriati contro insegnanti e assessore: "l'acqua del rubinetto se la bevano loro"
Le spiegazioni date dall’assessore non sono piaciute. Così il problema dell’acqua minerale “vietata” dal Comune in tutte le scuole di sua pertinenza, con relativa decisione di far bere ai piccoli alunni l’acqua del rubinetto, rischia di trasformarsi in un “caso”. I genitori di molti bambini, soprattutto quelli che frequentano le scuole materne ed elementari, sono più che mai decisi ad andare avanti per la loro strada, continuando a raccogliere firme “da presentare al sindaco ed a tutti gli organi che hanno competenza su questioni del genere” e dunque a dare peso alla loro protesta. “Ci sembra quanto meno singolare – dicono i genitori – che un assessore usi un tono così perentorio per spiegare ai suoi concittadini che la scelta fatta dal Comune non si discute e che dunque possiamo lamentarci quanto vogliamo, tanto le cose resteranno così come stanno oggi. Lui sostiene che molte marche di acqua minerale imbottigliano un prodotto che sarebbe molto meno salubre dell’acqua di rubinetto. A noi una cosa del genere sembra davvero strana. E comunque continuiamo ad essere dell’avviso che l’acqua in bottiglia sia molto più sicura”. Quello che non va giù ai genitori è la “regola” che impedisce ai bambini di portarsi l’acqua da casa. “Avremmo risolto il problema – spiega una mamma -, visto che il Comune non vuole spendere per comprare le bottiglie, ci penseremmo noi a darle ogni mattina ai nostri figli; ci abbiamo provato a fare in questo modo, ma ci siamo sentite dire che il regolamento vieta di introdurre qualsiasi cibo o acqua dall'esterno, perciò i bambini nonostante abbiano quasi tutti la loro bottiglietta non possono portarla a mensa durante il pranzo e devono obbligatoriamente bere l'acqua del rubinetto. Un giorno mia figlia di 4 anni ha detto alla maestra che voleva bere la ‘sua’ acqua perchè la mamma le aveva detto ‘che quella vostra è del rubinetto e non la devo bere’: ebbene la maestra le ha risposto: ‘non è vero, non è del rubinetto, hai detto una bugia!’. Capito a che livelli siamo?”. Il Comune è irremovibile: “l’acqua del rubinetto è sicura e super controllata”; i genitori continuano però a sostenere che “sa di cloro ed è piena di terra”. E temono che "il rogo di Vascigliano, con relativa dispersione nell’aria di diossina", abbia potuto inquinare le falde acquifere dell’Argentello, la fonte comunale situata a Ponte Aia. “Il fatto che ci da poi molto fastidio – continua un’altra mamma – è che maestre e dirigente scolastico hanno sulle loro scrivanie bottiglie di acqua minerale che si portano da casa. Perché, se è vero che l’acqua del rubinetto è così sana non la bevono anche loro?”.

23/12/2010 ore 0:05
Torna su