Giovedì 19/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: dal convegno sul risparmio energetico sono emersi dati importanti tendenti ad incentivare l'uso delle fonti rinnovabili
Mercoledì 30 marzo si è tenuto, presso il Teatro Comunale di Narni, un convegno dal tema “Buone pratiche per il risparmio energetico e le fonti rinnovabili nella provincia di Terni” organizzato dal Comune di Narni e Legambiente in collaborazione con la Provincia di Terni. L’evento si inserisce fra le iniziative di Agenda 21 Locale S.Lo.G.A.N., strumento di partecipazione, di concertazione e di condivisione a disposizione della comunità verso uno sviluppo sostenibile del territorio e rafforza la Campagna di Legambiente “Comuni Amici del Clima” lanciata in occasione dell’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto (16 febbraio 2005) il quale impone la riduzione di emissione in atmosfera dei c.d. gas serra (tra cui anidride carbonica e metano). Dopo i saluti del Sindaco Bigaroni, è intervenuto il Responsabile Nazionale Energia di Legambiente, Edoardo Zanchini, che ha descritto lo stato dell’arte delle regioni italiane sulle politiche energetiche e di gestione del territorio. Sono seguiti, poi, interventi che hanno illustrato diverse applicazioni pratiche in direzione del risparmio energetico e dell’uso di fonti alternative rispetto ai combustibili fossili. Donatella Venti, dirigente urbanistica e lavori pubblici della Provincia di Terni, ha descritto la pianificazione ambientale che si è attuata nel territorio provinciale. Aldo Tarquini, responsabile del settore urbanistica del Comune di Terni, ha illustrato un progetto di teleriscaldamento (in parte già operativo) che interesserà l’area nelle immediate vicinanze delle Acciaierie di Terni, sfruttando il calore dei camini dell’industria. Pietro Flori, dirigente dei lavori pubblici del Comune di Narni, ha descritto un progetto di illuminazione pubblica che sfrutterà l’energia solare. Stefano Bufi, esperto in risparmio energetico, si è soffermato sulla possibilità (e necessità) di una riduzione dei consumi energetici partendo propri dagli edifici pubblici.
Adriano Maroni, responsabile dell’area commerciale dell’Eligent, società che si occupa di risparmio energetico, è intervenuto illustrando uno speciale apparecchio elettronico, prodotto dall’azienda, che consente una gestione intelligente degli impianti di illuminazione in grado di ridurre del 30% i consumi di energia elettrica. La seconda parte del convegno è stata, invece, caratterizzata da una Tavola Rotonda vertente sulla richiesta di realizzare una Centrale termoelettrica nel territorio narnese. Hanno partecipato referenti istituzionali locali e tecnici: Stefano Bigaroni, Sindaco di Narni, Fabio Paparelli, Assessore all’Ambiente della Provincia di Terni, Gianfranco Salvati, Assessore all’Ambiente del Comune di Terni e, per la parte tecnica, Adriano Rossi, Direttore ARPA Terni e Alfonso Raus, consulente Forris sui processi Agenda 21.
Hanno coordinato i due momenti del convegno Gianni Di Mattia, Assessore all’Ambiente del Comune di Narni e Vanessa Pallucchi, Presidente Legambiente Umbria. L’appuntamento è proseguito nel pomeriggio, con l’incontro del Gruppo Promotore di Agenda 21 S.Lo.G.A.N.. Si sono sintetizzati e discussi gli aspetti emersi nel corso del convegno, auspicando una reale e diffusa informazione sul tema della Centrale e proponendo, al tempo stesso, iniziative di approfondimento sul tema del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili in generale. La consapevolezza è, infatti, quella di diffondere e di “comunicare” gli esempi di buone pratiche ambientali se si vuole intraprendere la strada della sostenibilità. Una caratteristica da segnalare del convegno è stata la sua ecocompatibilità: durante la varie fasi dell’organizzazione di esso, si è cercato di seguire alcuni accorgimenti (riduzione e corretta gestione dei rifiuti, utilizzo di risorse rinnovabili, uso di alimenti sani nei rinfreschi…) per ridurre l’impatto ambientale che provoca, solitamente, l’allestimento di un congresso.

31/3/2005 ore 15:46
Torna su