Mercoledì 22/11/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:16
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: dal 29 ottobre in via del Campanile apertura della mostra "Stanza – Ci sono cieli dappertutto"
Domenica 29 ottobre, dalle 12 e per tutta la giornata, si inaugura al centro per le arti di via del Campanile a Narni, la mostra "Stanza – Ci sono cieli dappertutto". Si tratta di una collettiva che espone opere degli artisti Gianfranco Baruchello, Paolo Canevari, Gea Casolaro, Primarosa Cesarini Sforza, Daniele De Lonti, Costanza Ferrini, Lindo Fiore, Ines Fontenla, Luigi Ghirri, Hans-Hermann Koopmann, Salvatore Piermarini, Claudio Pieroni, Silvia Stucky, collettivo Ticon3, Naoya Takahara, Marco Tirelli. La mostra vuole esplorare e portare all’attenzione l’avventura dell’abitare la terra (“abitare”: verbo non di “stato in”, ma di “moto a luogo”), l’ossimoro della terra come utopia vissuta, la terra come sogno, la “sacralità” della terra come luogo di contemplazione – dove cioè si edificano templi, lo stupore infine del suo tremore, la sua vita indipendente dall’uomo, quelle scosse che hanno turbato e attraversato – e sempre attraverseranno, essendo la naturale espressione di ogni lembo di terra sulla Terra – la terra su cui “sta” la Stanza nella sua nomade stanzialità, nel sud dell’Umbria. L’umano stupore è insito già dal nome nei “fatti di terra”, ex terrae facti, cioè “esterrefatti”. All’inaugurazione interverranno, in un reading e seminario collettivo, poeti e scrittori amici della Stanza, in una jam sessione col sassofono di Stefania Maggio. Per la durata della mostra Fatti di terra avranno luogo nella Stanza performance, lezioni, conferenze e altri eventi sul tema che coinvolgeranno tra gli altri: i sismologi Patrizia Tosi e Valerio De Rubeis, ricercatori all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia dell’Università di Roma (3 dicembre), insieme al fisico telorico Ignazio Licata (professore presso l'Institute for Basic Research di Palm Harbor, Florida, Usa e direttore scientifico dell'Isem, Institute for Scientific Methodology, a Bagheria, Palermo); il Maestro Zen Fausto Taiten Guareschi, erede di Deshimaru Roshi, autore tra l’altro della trilogia Fatti di terra, Fatti di nebbia, Fatti di fuoco (data da definire); l’architetto Giovanni Careri (gruppo Stalker/ Osservatorio nomade), autore di Landscape, che parlerà su “Il camminare come pratica estetica” (data da definire); Silvia Bordini, docente di Storia dell’arte contemporanea alla Sapienza di Roma e collaboratrice della Stanza, che parlerà su “Arte, terra, pane” (data da definire); il regista Valerio Jalongo, di cui sarà proiettato in anteprima il film documentario sul Cern di Ginevra. A partire dal 4 novembre, ogni sabato, si potrà partecipare attivamente al corso di panificazione (dedicato cioè a uno dei principali nutrimenti della Terra) tenuto da Om Guglielmo Venturini dell’associazione “Forme dell’Anima”, che da qualche anno porta avanti un programma esemplare di “agricoltura spirituale”. Evento straordinario della Stanza: proiezione del film My Italy di Bruno Colella, in presenza del regista e di alcuni artisti e attori del film (18 novembre ore 12, in collaborazione col cinema “Mario Monicelli” di Narni).
18/10/2017 ore 13:00
Torna su