Giovedì 20/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:23
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: da Forza Italia dubbi sui metodi di affidamento degli appalti comunali, "si faccia chiarezza"
Dubbi. Che gettano delle ombre sull’operato dell’amministrazione comunale narnese. Sembra essere questo il pensiero di Sergio Bruschini capogruppo di Forza Italia e presidente della commissione garanzia e controllo. L’esponente di opposizione parla di "contratti scaduti" e di reiterate proroghe effettuate dal sindaco. Si parla, nello specifico, del contratto riguardante la pulizia dei cimiteri comunali. “Si evince dagli atti – scrive Bruschini in un’interrogazione presentata al sindaco -, che detto servizio è in terza proroga. Anzi risulta scaduto da tempo senza nessun ulteriore dispositivo che ne giustifichi il proseguo. Da quanto risulta – prosegue Bruschini -, la cooperativa in questione presta servizio al comune. Con quale legittimità? Chi paga in questo periodo? Inoltre: perché, visto che il consiglio aveva fissato in giugno il termine ultimo per espletare la gara Asit, si è andati avanti con proroghe su proroghe, così come è successo per gli altri servizi cimiteriali? Anche queste attività – osserva Bruschini -, sono scadute dopo diverse proroghe e non ci sono atti che ne legittimano il proseguo dei servizi come invece sta accadendo. Come mai, ammesso che per qualche vizio procedurale la determina si sia bloccata pur magari avendo iniziato l'iter, lo stesso evento si è verificato anche per i servizi cimiteriali, considerato che neanche questa determina risulta pubblicata? Per entrambi ci sarebbe stato il medesimo problema procedurale? Ora sarebbe paradossale, e credo di dubbia trasparenza, dopo mesi di assenza di atti e deliberazioni, che arrivi una postuma e retroattiva disposizione. Per di più già reiterata diverse volte”. Secondo il capogruppo di FI: “Il vulnus grave rimane ed è soprattutto quello riferito ad un ritardo irragionevolmente lungo rispetto ai tempi fissati dalla delibera di consiglio su gara per affidamento Asit che doveva esser espletata entro giugno. Intanto società e cooperative hanno continuato ad avere proroghe”. Sulla questione Asit, Bruschini si lamenta del fatto che “è giacente una mia interrogazione senza risposta da più di 4 mesi. Ecco, dopo la transazione per debiti di diversi milioni di euro che sembrava aver messo la parola fine alla gestione ‘In house’ dell’Asit in pochissimo tempo si disse si sarebbe dovuti andare in gara. Invece sono passati tre anni e non è cambiato nulla nonostante la nomina di un presidente pro tempore per la gestione. Vista la delicatezza stante il valore economico dei servizi gestiti, questa poca chiarezza e trasparenza, desta preoccupazione”. Bruschini chiede al sindaco di “giustificare la mancanza di atti attuali stanti le scadenze ormai ampiamente superate” ed “I motivi dei ritardi sulla gara Aist”.
21/11/2016 ore 13:50
Torna su