Martedì 25/02/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, continui disservizi al laboratorio analisi dell'ospedale, l'Asl promette: "presto i disagi finiranno"
Un calvario. Che si ripete troppo frequentemente, creando disagi e rabbia tra i cittadini narnesi. Il laboratorio analisi dell’ospedale di Narni da troppo tempo non funziona come dovrebbe e le conseguenze dei numerosi disservizi che si verificano vanno tutti a gravare sulle spalle di coloro che si presentano di buon mattino presso la struttura sanitaria per effettuare dei prelievi. Gente di tutte le età, ma in buona parte anziana; insomma persone per le quali i disagi sono ancora maggiori. I problemi deriverebbero dal mancato funzionamento del software che gestisce i programmi informatici che a loro volta fanno funzionare tutti gli “ingranaggi” del servizio prelievi dell’ospedale. Problemi che accadono all’improvviso, quando ci sono già in fila (e in piedi) decine di persone con l’impegnativa in mano. E non c’è cosa più antipatica del sentirsi dire: “ci spiace, si sono rotti i computer quindi non si possono effettuare i prelievi. Torni domani”. La gente smoccola, se la prende con i malcapitati infermieri e addetti del laboratorio i quali, va specificato, non hanno alcuna colpa di quanto accade e anzi sono loro stessi a subire dei disagi perché si ritrovano poi a dover gestire nei giorni successivi moli di lavoro inadeguate al loro organico. La direzione generale della Asl 4 spiega le ragioni che hanno portato all’ultimo di questi disservizi, verificatosi qualche mattina fa. “I problemi – spiegano dalla segreteria del direttore – sono stati causati da un inconveniente tecnico che si è determinato nel flusso di gestione dei dati. I nostri tecnici del sistema informativo aziendale stanno intervenendo per ottimizzare il sistema attraverso l’acquisizione di nuove tecnologie, in particolare di un nuovissimo sistema di compressione dei dati. Il sistema di trasmissione, inoltre, è stato trasferito su una linea che dà maggiori garanzie di affidabilità (la Spc, sistema pubblico di connettività) affinché gli inconvenienti registrati non si ripetano più in futuro”. Spiegazioni “tecniche” che non convincono più di tanto i cittadini, i quali sono abituati a guardare le cose da un punto di vista squisitamente più pratico. “Le inefficienze del gabinetto analisi dell'ospedale di Narni – spiega Carlo Leonardi, un cittadino narnese – non sono tollerabili. Frequento spesso questo luogo in quanto accompagno mio padre a fare dei prelievi e dunque assisto spesso a situazioni di disagio che debbono essere assolutamente risolte. L’attuale procedura – aggiunge Leonardi – che prevede prima il pagamento, poi il prelievo, sarebbe decisamente più funzionale del vecchio sistema, se tutto filasse liscio come l’olio. Ma così , purtroppo, non è. Il problema è tutto sulla inaffidabilità o dei computer o dei programmi o della rete. Quindi ogni mattina che si va per fare dei prelievi bisogna armarsi di ottimismo e sperare che la parte telematica funzioni, altrimenti, bisogna tornarsene a casa e nell'era in cui tutto dipende dall'informatica sarebbe quanto meno normale che che macchinari e software siano affidabili. Il sistema attuale, evidentemente, non lo è”.

22/10/2009 ore 0:08
Torna su