Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:57
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni commemora con un significativo programma il "Giorno della memoria"
Il 27 gennaio, anniversario dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, ricorrerà il quarto "Giorno della Memoria", ricorrenza istituita con la Legge 20 luglio 2000 N.211, in memoria dello sterminio e delle persecuzioni del Popolo ebraico, dei Rom e Sinti, dei Testimoni di Geova, dei malati di mente, degli omosessuali, dei deportati militari e politici nei campi nazisti e di quanti si opposero al progetto di sterminio. L'amministrazione comunale di Narni, consapevole che non può esserci futuro senza memoria e attenta affinché l'orrenda catastrofe che ha segnato il Novecento non si ripeta mai più, preoccupata della situazione geopolitica attuale - nella quale purtroppo abbiamo visto riproporsi il concetto di pulizia etnica e di scontro fra culture e religioni, attraverso il proprio l'Ufficio per la Pace, propone il seguente programma rivolto alle scuole di ogni ordine e grado e alla cittadinanza..
Il 26 gennaio, al Teatro Comunale alle ore 9 - Cineforum per le scuole superiori con la proiezione del film Train de vie, di Radu Mihaileanu, con le musiche di Goran Bregovic, parteciperà Peppe Sini, direttore del centro di ricerca per la pace di Viterbo. La proiezione del film sarà riproposta alle ore 21 sempre presso il teatro per la cittadinanza. 28 gennaio, al teatro comunale alle ore 21 - Moni Ovadia presenta il suo libro "Vai a te stesso" con la collaborazione dell'Associazione Librarsi, semicircolo di lettori ambulanti. Moni Ovadia, artista ebreo, cantante, musicista, teatrante e saltimbanco, testimone della cultura Yidddish e politicamente impegnato sul fronte sindacale per le tutele dei lavoratori, per le rivendicazioni dei diritti dei "più deboli" e per le pari dignità sociali. "Vai a te stesso" è la frase che fonda l’essere umano ed è proprio attraverso l’interiorità che si fonda un essere sociale libero, che cammina, che trasforma, che rompe l’idolatria per accedere alla libertà. Il 3 febbraio laboratorio didattico con gli alunni della Scuola elementare del 1° Circolo di Narni Centro "Giorno della memoria: dentro i diritti umani e fuori" a cura dell'ISUC. Il Laboratorio propone percorsi aperti all'interno di fonti di memoria della Shoah secondo la chiave interpretativa dei diritti negati, per tentare un primo approccio su tale tema con i bambini delle elementari. Tra i documenti utilizzati i disegni di Helga Weissowa, bambina internata a Terezin, pagine del Diario di Anna Frank, lettere dell'ebra Ada marchesini deportata ad Auswchwitz, pagine del fumetto Maus di Art Spiegelman. A febbraio è previsto poi un incontro con i ragazzi della Scuola media Luigi Valli dove avrà luogo la proiezione film Concorrenza sleale di Ettore Scola e dibattito.

24/1/2004 ore 1:55
Torna su