Lunedì 24/07/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:45
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: cavalli sottoposti alle pre-visite, su 19 solo due sono quelli considerati "rivedibili"
I cavalli stanno bene. Su 19 animali visitati solo un paio sono stati ritenuti 'rivedibili'. Un ottimo risultato, dunque, che conferma, ancora una volta, la bontà del lavoros volto dai responsabili delle scuderie dei tre terzieri. A sottoporre a visita i cavalli sono stati i mebri della commissione veterinaria presieduta dal dott. Giammario Corsalini. Dei 19 cavalli visitati nelle scuderie, 17 sono risultati idonei e potranno regolarmente disputare la Corsa all'anello il prossimo 8 maggio, mentre 2 sono stati considerati rivedibili e verranno quindi visitati di nuovo nei prossimi giorni. Solo dopo la nuova visita la commissione veterinaria comunicherà se potranno disputare, o meno, la gara al San Girolamo. Ogni terziere sceglierà poi tra i cavalli risultati idonei i tre animali ‘titolari’ che parteciperanno alla corsa ed il cavallo di riserva. Il terziere Mezule ha presentato alla visita 7 cavalli risultati idonei, Fraporta ha presentato 5 cavalli, risultati ugualmente idonei ed infine Santa Maria ha presentato 7 cavalli, 5 dei quali sono risultati idonei e due rivedibili. “Gli staff delle scuderie – commentano i responsabili della segreteria tecnica dell'Ente Corsa all'Anello Filippo Miliacca e David Bontempo –, si sono dimostrati molto collaborativi e la commissione veterinaria ha potuto effettuare le visite in maniera serena, grazie allo spirito di lealtà e di onestà che contraddistingue i responsabili ed i ragazzi che lavorano con loro tutto l'anno”. La commissione veterinaria ha apprezzato molto il lavoro svolto dai tre responsabili delle scuderie dei terzieri Marco della Rosa (Mezule), Edoardo Secondi (Fraporta) e Diego Cipiccia (Santa Maria) che hanno presentato insieme al loro staff i cavalli in condizioni ottimali dal punto di vista nutrizionale ed atletico, fatto che senza dubbio porta alla crescita della qualità della gara equestre, nel rispetto degli animali.
6/4/2016 ore 16:23
Torna su