Lunedì 23/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:02
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: appello accorato di Renato Purgatorio alle forze di sinistra: "Se non riprende un dialogo tra tutti i partiti si rischia davvero grosso!"
"Non spacchiamo la sinistra". L'appello viene da Renato Purgatorio, l'attuale vice sindaco, il quale vede nella critica situazione che si è venuta a creare all'interno della coalizione che ancora oggi è alla guida della città, delle pericolose ripercussioni per il futuro. "Si sta sbagliando strada – avverte Purgatorio -, sia da una parte che dall'altra. Mantenere il punto su posizioni che saranno anche condivisibili ma che non mi sembrano così gravi da giustificare rotture di questo tipo, equivale a distruggere un'alleanza che va invece mantenuta consolidata. Io credo che dentro alla sinistra narnese in molti non si stiano rendendo conto di quali conseguenze potrebbe avere la spaccatura che si è creata e che ci si ostina a mantenere tale. Il nostro territorio ha delle tradizioni politiche forti e radicate. In passato non sono mancati contrasti tra i partiti della sinistra alleati tra di loro, ma nessuno mai si era sognato di arrivare a clamorose, quanto deleterie, spaccature come quella che registriamo in questi giorni". Purgatorio viene da tempo indicato come uno dei personaggi che la sinistra radicale avrebbe individuato per contrapporlo a Bigaroni alle prossime elezioni, ma a giudicare dal suo intervento il ruolo dell'ex sindaco narnese sembra essere tutt'altro che quello di avversario di Bigaroni. "Gli elementi che hanno determinato i contrasti vanno affrontati – insiste Purgatorio -. I partiti che hanno deciso di appoggiare la candidatura di Bigaroni alle prossime elezioni devono ascoltare le obiezioni che gli sono state mosse da Rifondazione Comunista e dal PdCi, come pure gli esponenti di questi ultimi due partiti hanno il dovere di assumere un atteggiamento meno rigido e più disposto al dialogo. A questo confronto è necessario che vi prendano parte anche gli elettori di sinistra ai quali spetta di diritto la partecipazione a decisioni così importanti. Se è vero, come sento dire da una parte all'altra degli schieramenti, che ci sono ancora delle 'porte aperte' al dialogo, si faccia in modo – conclude Purgatorio - di usare queste porte. Basta un minimo di buon senso e soprattutto la consapevolezza che il reiterare verso questo tipo di atteggiamenti rischia di portare la sinistra narnese sull'orlo del baratro".


29/1/2007 ore 5:11
Torna su