Lunedì 20/11/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, alloggi popolari, Forza Italia denuncia: "le case ci sono, ma mancano i soldi per renderle abitabili"
Le case ci sono, ma mancano i soldi per poterle rendere “abitabili”. Il problema degli alloggi popolari e della loro assegnazione torna alla ribalta. E’ Forza Italia ad occuparsi dell’argomento, con Sergio Bruschini, capogruppo in consiglio comunale e coordinatore provinciale del partito azzurro. “Da poco – egli afferma -, si è concluso il bando a Narni per il rinnovo della graduatoria di assegnazione degli alloggi popolari. La lista di chi aspetta si è allungata a circa 70 famiglie. Purtroppo, sono anni che la lista esiste, ma non scorre, in quanto gli appartamenti non si assegnano a chi ne ha diritto. A prima vista potrebbe sembrare che il problema risieda in una ipotetica mancanza di appartamenti liberi, ma da una verifica fatta, abbiamo constatato che nella nostra città ci sono molti appartamenti liberi, in grado di ospitare famiglie che ne avrebbero diritto. Le case in questione si trovano a Santa Margherita e Santa Restituta, a Testaccio ed in via della Doga a Narni Scalo; in tutto si tratta di più di 20 appartamenti, alcuni di proprietà del comune altri di Ater. Perché, allora – si domanda Bruschini -, queste case non vengono assegnate? I funzionari che seguono il caso, dicono che tutto dipende dal fatto che gli alloggi in questione debbono essere sottoposti a manutenzione ordinaria e straordinaria e che queste hanno dei costi esorbitanti. Approfondendo la questione è venuto fuori che per effettuare la manutenzione servirebbero 398mila euro: 128mila dei quali a carico del Comune e 270mila a carico dell’Ater. A complicare le cose ci sarebbe una nuova convenzione, approvata unilateralmente dall’Ater, la quale prevederebbe che l’intero importo (398mila euro) debba essere a carico del comune che, ovviamente, si oppone e si rifiuta di sottoscrivere l'atto. Tutto, quindi, rimane bloccato impedendo ai cittadini di poter avere una casa. La querelle non sembra destinata a sbloccarsi, nonostante gli incontri che in tutto questo tempo ci sono stati tra le parti”. Bruschini propone che il Comune “impugni la convenzione” e, in attesa che la vertenza si definisca, “che sia la stessa amministrazione a farsi carico di sostenere la spesa totale necessaria a coprire i costi dei lavori di manutenzione". "Questo - insiste il consigliere di Forza Italia -, permetterebbe di ‘liberare’ gli appartamenti che potrebbero cosi essere assegnati ai cittadini bisognosi. Per ottenere l'importante cifra il Comune potrebbe accendere un mutuo rimoborsabile negli anni. In questo modo, nel giro di poco tempo si potrebbero assegnare gli alloggi alle famiglie che ne hanno davvero un grande bisogno".
4/11/2017 ore 3:03
Torna su