Martedì 28/03/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:25
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: 40 persone assistite dai servizi sociali lasciate senza sussidio mensile, Bruschini chiede al comune di intervenire
Poche migliaia di euro. Che, suddivise tra una quarantina di persone, non rappresentanto una grossa cifra ma che, comunque, fanno comodo per tirare avanti. Il “debito” sarebbe quello che alcune decine di “borsisti”, che ricevono mensilmente un sussidio da Comune e Asl, vanterebbero nei confronti dell’azienda sanitaria. A denunciare la situazione è Sergio Bruschini di Forza Italia. “Ai ‘borsisti socio-assistenziali’ aventi diritto – spiega Bruschini -, non è stato corrisposto il sussidio relativo al mese di febbraio. Si tratta ci circa quaranta persone, ‘assistite’ dai Servizi Sociali del comune e dalla Uls 2, alle quali ogni mese viene corrisposto un piccolo contributo. Queste persone, portatrici di particolari situazioni di disagio, vengono impegnate in lavori di vario tipo all’interno degli uffici comunali. Non si conoscono le motivazioni che hanno ritardato il pagamento del sussidio; ho provato a chiedere ma dal comune non mi è stata fornita una risposta. Stiamo parlando - sottolinea Bruschini -, di cifre che arrivano, quando va bene, a 250/300 euro mensili. Questi importi fino ad un mese fa venivano erogati per intero dal comune, ora, in virtù di un nuovo regolamento, sono per metà a carico dell'amministrazionen comunale e per l'altra metà a carico della Asl. Il comune, è giusto ricordarlo, ha provveduto per la propria parte, mentre la Asl ancora non ha elargito la sua. Si tratta di burocrazia? – si domanda Bruschini -, di inefficienza? Oppure di una semplice mancanza di fondi? Cosa impedisce alla Asl di provvedere a pagare i sussidi? Queste persone oltre che essere in uno stato disagio si vedono ancor più mortificate a dovere subire una decurtazione di metà, di quello che per loro è uno ‘stipendio’, che è veramente importante per la loro sopravvivenza. Chiedo, dunque, all’amministrazione comunale di intervenire presso la Asl per sbloccare questa incresciosa situazione”.
13/3/2017 ore 17:55
Torna su