Martedì 14/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:13
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: è morto Mauro Bortolotti, grande musicista e testimone eccellente della vita culturale del Novecento italiano
Mauro Bortolotti è morto. Scompare con lui un grande narnese, un testimone eccellente della vita culturale e della produzione musicale del Novecento italiano. Nato a Narni nel 1926 Mauro Bortolotti era ovviamente molto noto e da tutti conosciuto in città, viveva da molti anni a Roma ma a Narni tornava spesso nella sua piccola casa di via del Monte ove spesso si raccoglieva a comporre lavori musicali ed a trascorrere momenti di riposo con gli amici narnesi. Sempre gioviale e disponibile con tutti e per ogni attività lascia a Narni, tra quanti lo conoscevano un vuoto difficilmente colmabile, come uomo e come artista. “Un grande musicista”, così viene ricordato in queste ore Mauro Bortolotti, una vita interamente spesa per la sperimentazione e per la creazione musicale. Grande persona, personaggio culturalmente eccellente, sperimentatore raro, lascia un vuoto incolmabile ma non una vera perdita perché tutto il suo lavoro, e gli anni spesi per realizzare la sua musica, restano per sempre, modello per quanti sapranno apprezzarne la qualità. Sintetizzare una vita spesa per l’arte è arduo, ma possiamo riassumerla ricordandone alcune tappe imprescindibili: Mauro Bortolotti ha studiato pianoforte con Rodolfo Caporali, organo con Fernando Germani e composizione con Goffredo Petrassi presso il Conservatorio "Santa Cecilia" di Roma. Ha frequentato i Ferienkurse für Neue Musik a Darmstadt e ha lavorato presso lo studio di musica elettronica di Pietro Grossi a Firenze. Ha lavorato anche nel campo della computer music, presso il CNUCE dell’Università di Pisa. Tra i fondatori dell’Associazione Nuova Consonanza, di cui è stato due volte presidente, è stato inoltre direttore artistico dell’Orchestra Regionale di Roma e del Lazio. Ha insegnato Composizione Sperimentale nei Conservatori di Roma e di Frosinone, formando un gruppo di giovani compositori noti in campo nazionale. Ha contribuito in maniera generosa alla fondazione dell’Archivio della Musica Contemporanea del Centro di Ricerca del Museo Laboratorio di Arte Contemporanea. Sue musiche sono state eseguite nei più importanti centri musicali italiani ed europei. Il suo interesse nei confronti della voce e della poesia lo ha portato a musicare testi dei maggiori poeti contemporanei. Tra i primi ad esprimere il cordoglio della comunità locale sono stati il sindaco di Narni Stefano Bigaroni ed il Presidente della Provincia Andrea Cavicchioli.

16/11/2007 ore 18:40
Torna su