Sabato 11/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:10
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narnese: l'ennesimo pareggio della Pontevecchio fa ben sperare i rossoblù che ospitano il Massa Martana e si preparano a sognare
Una squadra che non vince da due mesi, che in quest’ultimo lasso di tempo ha solo avuto il fiato per proteste strumentali. L’unica formazione ad aver lasciato un punto al Torgiano che nelle ultime dieci giornate è stato sconfitto ben nove volte. Questa è la Pontevecchio, rimasta a secco anche nell’anticipo della ventottesima giornata che la vedeva opposta al San Sisto. Ecco che allora il match che i rossoblù affronteranno domenica 20 marzo al "San Girolamo" contro il Massa Martana diventa quasi un match-ball. In questa situazione la tentazione di mettersi a fare due conti per vedere cosa basterebbe per tagliare per primi il traguardo, è tanta, ma non ci sarebbe errore più grave. Ciccio Schenardi, ne siamo certi, farà di tutto per tenere alta la tensione perché Narnese-Massa Martana è una partita da vincere e non sarà affatto una passeggiata. Gli uomini di Poponi, dati per spacciati fino a due mesi fa, si sono resi protagonisti di una grande rimonta che li ha portati ad un passo dalla zona play-off. La sconfitta interna patita però domenica scorsa contro il Trestina ha ricacciato i rossoblù martani vicini alla zona pericolo. Ecco perché il motto per i ragazzi dei presidenti Gubbiotti e Garofoli deve essere:”nessun dorma!”. Detto questo è tuttavia chiaro che i tre punti appaiono comunque alla portata della Narnese che, a parte il passo falso di Bastia, è apparsa ultimamente in condizioni di forma smaglianti. Il trainer rossoblù non deve far fronte né a squalifiche né ad infortuni quindi potrà serenamente scegliere l’undici migliore che non si discosterà molto da questo: Taddei, Rosati, Proietti, Faiola, Brozzetti, Botta, Schenardi, Raggi, Cioci, Silveri, Piovanello. Ad arbitrare l’incontro è stato chiamato Ragnacci di Gubbio. Che bello, ancora una domenica senza Colella e Panizzi!
Fabrizio Chiani
19/3/2005 ore 17:58
Torna su