Giovedì 19/10/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:47
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Montoro: finiti i lavori di restauro, sabato 30 settembre si inaugura la "nuova" fontana baronale del paese
L’antica fontana baronale di Montoro è tornata al suo antico splendore. L’opera, completamente restaurata, tornerà al suo posto originario, nella piazza centrale della frazione, sabato 30 settembre, quando è in programma la cerimonia di inaugurazione del restauro. Saranno presenti rappresentanti dell’amministrazione comunale, i restauratori, tutti i professionisti del luogo che hanno partecipato al recupero ed ovviamente i cittadini. I lavori, progettati ed eseguiti dal restauratore narnese Simone Deturres, sono iniziati nel 2013, finanziati con i fondi del Puc regionale, ed hanno interessato il bacino rotondo in muratura di mattoni e bordo di pietra locale, la caratteristica pietra “d’oro” di Montoro, all’interno del quale è posta una grande tazza di pietra che culmina con il getto dal quale zampilla l’acqua proveniente dall’acquedotto ottocentesco realizzato su progetto dell’architetto Bianchi nel settembre del 1858. La fase iniziale del restauro ha visto la rimozione manuale di oltre due tonnellate di concrezioni calcaree accumulatesi sulla tazza centrale e nella vasca, che ha permesso di ritrovare il getto centrale in piombo oramai ricoperto da una massa di alghe e calcare di enormi dimensioni. Mentre l’intervento sulla fontana proseguiva con il risanamento strutturale della vasca grande e della tazza di pietra, che presentavano lesioni gravissime, l’Amministrazione Comunale di Narni ha reperito la copertura economica per il restauro del getto in piombo che, su indicazione della Soprintendenza dell’Umbria, è stato trasportato a Roma presso il laboratorio di Giuseppe Mantella. Al termine del restauro del getto in piombo la Soprintendenza, viste le precarie condizioni conservative del pezzo, ne ha disposto la musealizzazione e la conseguente realizzazione di una copia in bronzo da ricollocare in fontana. Per questo l’amministrazione comunale ha stanziato ulteriori fondi per la copertura economica dei lavori di fusione del pezzo, fatti da una società privata ma resi possibili grazie alla realizzazione di una preliminare copia in terracotta preparata dai ceramisti narnesi Sergio Meloni e Simona Marzio con un impegno economico di alcuni privati e della pro Loco di Montoro. Contemporaneamente alla ricostruzione del getto procedevano le operazioni di restauro della fontana, con la ricostruzione di un tratto del bordo della vasca, realizzato scolpendo a mano un grande blocco di pietra recuperato nelle campagne circostanti Montoro. Il bordo in pietra è stato poi consolidato con l’inserimento di grandi grappe di acciaio inossidabile di raccordo, montate a due a due tra i blocchi. Si è passati quindi alla ricostruzione manuale di centinaia di tasselli in laterizio per l’integrazione delle tantissime lacune dell’esterno della vasca, con mattoni realizzati a mano. Una volta montati tutti i tasselli si è provveduto a stuccare l’intera superficie in mattoni, impiegando esclusivamente malte a base di calce idraulica ed inerti selezionati. L’intero impianto di scarico dell’acqua è stato anch’esso completamente sostituito, rimovendo i vecchi tubi e raccordi in ferro, piombo e pvc con altri in acciaio inossidabile. Intanto è stata decisa l’illuminazione interna della fontana, per la realizzazione della quale il Comune ha messo a disposizione ulteriori fondi per l’istallazione di un sistema di lampade led a basso voltaggio di ultima generazione, di massima resa e basso consumo, sia dentro la vasca grande che nella coppa della tazza centrale. Una volta completate le operazioni di predisposizione dell’impianto elettrico, è stato eseguito il sistema di impermeabilizzazione interna delle vasche con applicazione di diversi strati di intonaco, massetto e doppio strato finale di prodotto specifico. Considerato il discontinuo afflusso di acqua che alimenta la fontana è stato deciso di realizzare un sistema di ricircolo affidato ad una pompa ad immersione posta in un pozzetto esterno alla vasca che aspira l’acqua dall’interno della fontana per spingerla verso il getto. Anche la ringhiera esterna alla fontana ha subito una profonda manutenzione, con la sostituzione di tutti gli elementi deformati ed il rifacimento alla forgia di quelli mancanti. A margine dell’intervento di restauro della fontana della piazza baronale, in occasione della festa della Corsa all’Anello di Narni e di quella di sant’Egidio di Montoro del 2017, Deturres in collaborazione con l’arch. Maria Paola La Pegna, ha realizzato una mostra fotografica e documentaria dal titolo “Montoro, la sua comunità, la sua fontana: cronaca di un restauro” che attraverso l’esposizione di diciassette pannelli e numerosi oggetti, documenti e fotografie d’epoca ha ripercorso la storia del borgo e della famiglia Patrizi per giungere al restauro della fontana descrivendone ogni aspetto e fase. La mostra, dapprima esposta nella cappella di san Giuseppe nella chiesa di san Francesco di Narni e poi nei locali della festa di sant’Egidio di Montoro, è stata apprezzata da oltre duemila visitatori molti dei quali si sono poi recati nel borgo di Montoro per approfondirne la conoscenza.
27/9/2017 ore 13:46
Torna su