Domenica 19/11/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:44
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Licenziamenti alla TerniEnergia, Tutti per Narni: "De Rebotti e Marini coinvolgano subito il Mise"
Prime reazioni, da parte della politica narnese, alla notizia riguardante i licenziamenti annunciati alla TerniEnergia di Nera Montoro. In un comunicato Tutti per Narni mostra "grande preoccupazione per il futuro occupazionale che tocca il nostro territorio". "Non abbiamo avuto nemmeno il tempo - prosegue il comunicato dfi Tpn -, di poter apprezzare con positività, la notizia della 'ripartenza' dell’ex Sgl Carbon, che ci ritroviamo davanti a quest'altra brutta notizia. Esprimiamo non solo la nostra grande solidarietà ai lavoratori della TerniEnergia e mettiamo a disposizione il nostro impegno riguardo alla vertenza che si sta aprendo. Come avviene in questi casi - si legge nella nota firmata dal gruppo consigliare di Tutti per Narni -, le aziende riempiono i loro comunicati di 'inglesismi', per poi ridurre il tutto al fatto che 'la sede di Nera Montoro presenta elevati costi fissi e non poche, oltre che strutturali ed ineliminabili, problematiche sia logistiche che commerciali'. Non accettiamo nella maniera più assoluta la politica aziendale che, come avviene sempre in questi casi, vede come unica soluzione per la riduzione dei costi quella del taglio del personale. Sono ancora nella mente di tutto il nostro territorio, le parole del fondatore di Terni Energia quando pochi anni orsono elogiava la nascita e lo sviluppo del sito di Nera Montoro, prospettando per un immediato futuro esiti di grande prosperità. Bene l’attualità è a smentire tutto quello che ormai da diverso tempo, sembrava che non poter esser solo il sogno di pochi. Chiediamo da subito - concludono gli esponenti di TpN -, che il Sindaco di Narni e la Presidente della Regione Marini, si attivino per l’apertura di un tavolo istituzionale, coinvolgendo il Ministro Calenda, responsabile del Ministero dello Sviluppo Economico, perché il nostro territorio non può permettersi nella maniera più assoluta, una perdita occupazionale ed economica come questa. Come pure siamo a chiedere sin da subito la convocazione di un Consiglio Comunale che si occupi nei tempi più celeri possibili della vicenda di TerniEnergia".
7/8/2017 ore 2:18
Torna su