Lunedì 23/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:57
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La storia di Germano Rubbi, un narnese con le carte in regola per sfondare al cinema e in teatro
E’ decisamente un gran bel momento per un giovane artista narnese salito alla ribalta durante la trentacinquesima edizione della corsa all’anello. Germano Rubbi, 34 anni, grandissimo appassionato di teatro, attore e regista, ha potuto dimostrare il suo valore al grande pubblico sabato 26 aprile con il riuscitissimo spettacolo”Aqua Fons vitae”, per celebrare i 700 anni della fontana di Piazza dei Priori.Una gavetta lunga, partita con le recite scolastiche, tenendo sempre in mente le parole di un grande commediografo come Aristofane:”Prima di stare al timone bisogna remare parecchio..”.Con questa idea nella testa Rubbi ha iniziato a fare di tutto nell’ambiente teatrale pur di farne parte.Tra il 90 e il ’92 recita in alcuni spettacoli diretti da Paolo Baiocco, nella compagnia “Sole a Scacchi”, continua a fare teatro ad ogni occasione fino a diventare referente dei laboratori teatrali per la cooperativa sociale con la quale lavora. Laboratori teatrali anche nelle scuole elementari e per diversi centri ASL. La “Corsa all’anello” ha rappresentato per Rubbi un’importante vetrina che lo ha fatto conoscere un po’ dappertutto. “Se adesso ho collaborazioni in giro per tutta l’Umbria e non solo, è senz’altro merito della Corsa all’Anello e del terziere Mezule, per il quale mi metto sempre umilmente a disposizione per realizzare le manifestazioni” puntualizza Rubbi.
Giudice ad Amelia da due anni per il “Palio dei Colombi”, collaborazioni per quel che riguarda la creazione di rievocazioni storiche ad Acquasparta, Sangemini, Collescipoli, Montone, Orte insieme ad altre novità di cui Germano non ci vuole ancora parlare per scaramanzia. Per farsi un’idea ancor più chiara di quello che rappresenta per Germano Rubbi il mondo dello spettacolo, basti pensare che da un paio d’anni non ci ha pensato due volte a rimettersi in gioco e ad iscriversi alla facoltà di Scienze dello spettacolo a Roma.Tutti trenta fino a adesso studiando nei ritagli di tempo prima di andare al lavoro e la sera dopo cena. Il suo “maestro” può essere considerato Paolo Baiocco, il quale, a distanza di 10 anni ha deciso di affidare il “timone” della suo nuova creazione “Aqua Fons Vitae” al suo allievo maturato notevolmente in questi anni come attore e regista.”Mi è stata affidata una grande responsabilità, Paolo mi ha dato carta bianca e credo che sia rimasto soddisfatto”. Spettacolo decisamente ben riuscito e prodotto dall’Ente Corsa all’Anello che sarà replicato in estate, forse a Piazza Galeotto Marzio, e sarà anche proposto fuori Narni. “Non è stato facile coordinare e dirigere trenta attori-dice Rubbi-che, pur non essendo professionisti, hanno dimostrato grande valore”. Sembra che ci sia una gran voglia dei ragazzi di continuare l’esperienza positiva attorno al loro regista.Qualcuno ha proposto a Rubbi di mettere su una compagnia teatrale che potrebbe, in un futuro neanche tanto lontano, diventare la compagnia del teatro di Narni. “Siamo disponibili ad ogni tipo di progetto-continua Germano- dell’amministrazione, che grazie al buon intuito dell’assessorato alla cultura sta aprendo molti fronti che potrebbero proiettare Narni verso prestigiosi palcoscenici”. Che cosa farà “da grande” Germano Rubbi?: ”Sta uscendo un cortometraggio realizzato con un altro narnese, Pietro Ciavattini, poi continuerò con la recitazione e la regia. Finora non ho fatto provini per il cinema perché sono molto umile, ma un pensierino ce lo sto facendo…”. In bocca al lupo!

Cesare Antonini
13/5/2003 ore 16:22
Torna su