Sabato 08/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 17:05
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: alla Prociv Arci nasce un nuovo gruppo di volontari in grado di intervenire a bordo di un "hovercraft"
Un mezzo "hovercraft" per intervenire con maggiore tempestività sul territorio in situazioni di emergenza. I volontari dell'associazione Prociv Arci di Narni allargano, dunque, i loro orizzonti e vanno alla ricerca di mezzi di locomozione all'avanguardia. Un hovercraft (o anche aeroscivolante come viene talvolta tradotto in italiano) è un veicolo sostentato da un "cuscino d'aria" e mosso da una o più eliche. È in grado di spostarsi su diverse superfici e di raggiungere velocità superiori ai 150 km/h. L'idea di sperimentare questo moderno mezzo di locomozione è venuta ai volontari della protezione civile narnese. "Il progetto - spiega Lorenzo Filiberto della prociv Arci -, nasce dalla esigenza di farci trovare pronti in caso di emergenze che abbiano a che fare con il rischio idraulico che affligge il nostro territorio. Stiamo addestrando un gruppo di volontari, al fine di creare un equipaggio in grado di utilizzare un hovercraf, attrezzato di tutto punto, (defibrillatore, torre faro, con personale anche sanitario), e con la possibilità di muoversi su ogni tipo di superfice: terra, acqua, fango, neve, ghiaccio ecc. Il mezzo anfibio ha delle potenziabilità enormi, e può arrivare ovunque ed in qualsiasi condizione meteo. Considerando la morfologia del nostro territorio, sicuramente collinare, con grandi spazi pianeggianti, un mezzo del genere può risultare determinante in determinate situazioni. Abbiamo tutta la zona industriale e commerciale di Narni Scalo, la piana di Terni, il tratto sottostante al Rato, tutte zone che sono spesso soggette a rischio di alluvione. Avere a disposizione un mezzo anfibio che ti può arrivare sotto casa non è cosa da poco. L'hovercraf - precisa Filiberti -, o Aeroscafo, è un mezzo anfibio (metà aereo e metà scafo) sostenuto da un cuscino d'aria e mosso da una o più eliche e i suoi usi sono pressochè illimitati. Oltre alla mia diretta supervisione, le persone che stanno lavorando al progetto sono Paolo Aldini (responsabile del Gruppo Volo), Franco Bonaccini (responsabile del Gruppo Droni) e Mario Reitano, il quale costruisce, ripara, compra e vende Hovercraf. Affideremo a lui la responsbailità del nuovo gruppo che stiamo formando".
(Nelle foto alcuni momenti della esercitazione)
22/6/2020 ore 3:20
Torna su