Venerdì 15/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:23
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Guasto al depuratore: il Comune ha chiesto all'Arpa di analizzare l'acqua del fiume Nera per verificare il grado di inquinamento prodotto dai liquami
Il depuratore è ancora fermo. E i liquami continuano a tracimare nel fiume Nera, con tutte le conseguenze che si possono immaginare. L’allarme dato sabato dalla consigliera di An Maria Lanari è stato in parte raccolto dalle autorità competenti ma a tutto ieri nessuna di queste è stata in grado di trovare una soluzione in grado, quanto meno, di evitare il danno ecologico (per non parlare di disastro) causato dalla continua immissione dei liquami nel fiume. “La situazione sta precipitando – riferisce Maria Lanari – perché gli scarichi hanno ormai contaminato un ampia porzione del fiume. Ieri mattina mi trovavo dalle parti della fonte di S.Rosa, che dista almeno 300 metri dal depuratore, e il colore delle acque era torbido, per non parlare del puzzo nauseabondo che fuoriusciva dal fiume”. In Comune sono al corrente del guasto che da una dozzina di giorni ha bloccato il depuratore più importante del territorio, quello presso il quale confluiscono le fogne di Narni Scalo e di gran parte del centro storico, e assicurano di aver fatto quanto era nelle loro possibilità per risolvere l’increscioso problema. “Si è bruciato un trasformatore che ha mandato in tilt l’impianto – spiega l’assessore all’Ambiente Gianni Di Mattia – ed il Sii ha incaricato l’Asm di provvedere a ripararlo”. Sul danno ambientale Di Mattia aggiunge che “stamattina ho richiesto all’Arpa di fare un sopralluogo per prendere alcuni campioni di acqua del fiume e verificare l’entità dell’inquinamento. Al momento, comunque, sembrano non esserci pericoli per le colture circostanti e per la popolazione”. Intanto, però, molti cittadini che abitano nella zona di Tre Ponti si lamentano per il fetore che sono costretti a sopportare. “Il temporale di domenica – dicono – aveva migliorato la situazione e la puzza era scomparsa ma da oggi risiamo daccapo e diventa difficile persino stare dentro casa”.
25/7/2006 ore 5:23
Torna su