Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Galleria di San Pellegrino di nuovo chiusa, Cavicchioli scrive al ministro Lunardi per denunciare i disagi subiti dagli automobilisti
E' di nuovo chiusa da alcuni giorni. Una delle due gallerie di San Pellegrino, lungo il raccordo Terni-Orte è stata nuovamente chiusa per consentire dei lavori di manutenzione. Tutto normale, nel rispetto delle leggi, se non fosse che quelle gallerie vengono chiuse con una frequenza che agli occhi delle migliaia di automobilisti che ogni giorno percorrono il "Ra.To" appare esagerata. Lo stesso deve aver pensato il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, il quale proprio per denunciare il disagio che le frequenti chiusure comporta, ha inviato una lettera al Ministro per le “Infrastrutture”, Pietro Lunardi, al Presidente dell’ANAS, ing.Vincenzo Pozzi, e al Capo Compartimento regionale dell’ANAS, ing.Amleto Pasquini. Nella lettera Cavicchioli segnala i gravi disagi ai quali la comunità provinciale e non solo è sottoposta per le reiterate chiusure della galleria di San Pellegrino, lungo il raccordo autostradale Terni-Orte, disagi che, fra l’altro, si intensificano in presenza di volumi di traffico intensi come quello attuale. In particolare è stato chiesto un intervento risolutivo che consenta di far cessare questa situazione che determina ingorghi, pericoli per l’incolumità pubblica, e difficoltà operative di ogni genere per gli utenti. Fra l’altro quanto segnalato mostra l’urgenza di prevedere un collegamento alternativo con Roma che possa alleviare le difficoltà attuali del raccordo, che risulta ampiamente sottodimensionato rispetto al volume di traffico che sopporta. “L’iniziativa degli Enti locali e di alcune Associazioni di categoria in tal senso –sottolinea Cavicchioli- va tenuta in seria considerazione, con particolare riferimento alla proposta alternativa riguardante la realizzazione della “Passo Corese-Fiano Romano”, o, in ogni caso, occorre prevedere interventi volti a sanare la grave situazione che si riscontra sia sotto il profilo ambientale che della percorribilità concreta, ferma restando la necessità di far cessare quanto denunciato per la galleria di San Pellegrino” .
5/9/2003 ore 12:25
Torna su