Domenica 15/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:27
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Favilli e Novelli (Insieme per cambiare) ammoniscono la giunta: "Investite più soldi per garantire i servizi alle frazioni"
“Per risolvere il problema dell’emergenza idrica nelle frazioni si dovrebbero risparmiare dei soldi impiegati per organizzare feste di piazza”. Adiberto Favilli e Federico Novelli (Narni insieme per cambiare) suggeriscono la “ricetta” agli amministratori e li invitano “a fare maggiore attenzione, perché non è giusto che le migliaia di cittadini che vivono nelle frazioni debbano sistematicamente subire dei disagi dovuti alla cronica mancanza di acqua”. I due esponenti della minoranza insistono nel ricordare che “il particolare stato di siccità gioca un ruolo determinante in questa situazione, ma certo poco o nulla si è fatto da parte di questa amministrazione perché il fatto non si ripetesse a scadenza fissa tutti gli anni. Nell’ultima discussione del bilancio preventivo avevamo ribadito come complessivamente venivano penalizzate le frazioni su settori di rilevante interesse quali quelli riguardanti la pulizia delle strade e le strutture di servizio, rispetto al centro storico, ed avevamo suggerito modificazioni in tal senso, ma da parte delle componenti della maggioranza si è preferito fare orecchi da mercante tirando dritto per la loro strada, con i risultati che stiamo vedendo. Forse stando più attenti alle scelte di bilancio-concludono Favilli e Novelli- si potrebbero diminuire se non evitare completamente questi disagi. Basterebbe infatti agire con maggiore obbiettività sui capitoli delle manifestazioni di piazza all’interno del centro storico,per rendersi conto che alcune reiterate spese su avvenimenti di dubbia attrazione potrebbero certamente diminuire e dare più spazio ad investimenti essenziali per i nostri centri frazionali, che rappresentano una realtà attrattiva forse ancora di più dello stesso centro storico”.
8/7/2005 ore 4:15
Torna su