Domenica 12/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
E' di nuovo consentito l'ingresso dei neo-papà nelle sale parto degli ospedali dell'Umbria
"E' stata ripristinata già da alcuni giorni nelle strutture ospedaliere umbre l'opportunità di consentire nuovamente l’ingresso dei neo papà nelle sale parto, nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza. Dopo mesi di difficoltà in cui la nostra regione si è distinta per organizzazione e capacità del suo sistema sanitario oggi arriva quest’altra bella notizia fornita dall’assessore regionale alla sanità Luca Coletto". Così il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Eleonora Pace (presidente Terza Commissione) che esprime "soddisfazione" per la decisione assunta dalla Giunta regionale. "Sono felice – aggiunge l’esponente di FdI - che la richiesta che avevo avanzato in tal senso pochi giorni fa sia stata recepita e voglio ringraziare la presidente Tesei ed in particolare l’assessore Coletto per averla immediatamente accolta fornendo la possibilità ai papà che vogliono assistere la propria moglie o compagna di essere presenti in questo momento fondamentale della vita di ogni donna e della famiglia nel suo insieme. Un gesto importante e simbolico – sottolinea Eleonora Pace - in cui celebriamo la vita in un tempo purtroppo contraddistinto da troppe morti. Grazie a questa importante iniziativa consentiremo a tanti piccoli nuovi umbri di venire al mondo circondati dall’amore di entrambi i genitori. Oltre ai ringraziamenti – prosegue Pace - comunico che, appena ci sarà consentito, in qualità di presidente della Commissione sanità della Regione Umbria, insieme alla presidente Tesei, visiteremo tutte le sale parto della nostra regione in segno di vicinanza ed affetto per tutte le mamma e per tutte il personale medico e paramedico che ha reso i nostri punti nascita un fiore all’occhiello della nostra sanità. Il nostro auspicio – conclude - è che nei prossimi anni l’alta qualità della vita nella nostra regione possa annoverare oltre che ambiente d’eccellenza, vivibilità dei nostri comuni e una lunga aspettativa di vita per i suoi residenti, anche una maggiore percentuale di nuovi nati. Per dare futuro e forza alla nostra bella Umbria".
24/5/2020 ore 16:53
Torna su