Sabato 11/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:52
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Discariche a cielo aperto a Testaccio e lungo la strada di S.Angelo, il Pdl attacca l'assessore all'Ambiente Roberta Isidori
Tra Testaccio e la strada di Sant’Angelo spuntano nuove discariche. Stavolta a segnalarle non sono i cittadini ma il Pdl di Narni che punta l’indice contro l’assessore all’Ambiente Roberta Isidori, “colpevole”, secondo gli esponenti pidiellini, di “non avere a cuore il problema delle discariche”. Ma partiamo dai siti individuati nella zona di Testaccio ed a Sant’Angelo. Si tratta, ancora una volta, di discariche create da cittadini senza scrupoli la cui totale mancanza di educazione li porta ad abbandonare rifiuti di ogni tipo sui cigli delle strade o nelle radure. “A Testaccio – dicono dal Pdl di Narni -, lo scempio si consuma sotto agli occhi di tutti, lungo una strada pubblica dove si trovano ammassati materassi ed una gamma completa di altri rifiuti, tra i quali delle pericolosissime lastre di eternit. Stessa situazione nella zona di Sant’Angelo, in una strada panoramica che attraversando il bosco sbuca lungo la ex statale Tiberina. Anche qui materassi, lastre di eternit, pneumatici e vecchi elettrodomestici. Poi la plastica, presente sotto forma di taniche, secchi e altri manufatti”. Quello che al maggior partito di opposizione non va giù è l’atteggiamento mostrato dal Comune di fronte a questi fenomeni. “Il fatto che proprio a ridosso di una di queste discariche ci sia un cartello arrugginito, che sta lì probabilmente da una trentina di anni e dove c’è scritto ‘Divieto di scarico immondizia’, la dice lunga su come la nostra amministrazione gestisce queste aree considerate ‘ a rischio’. L’assessore Roberta Isidori parla da anni di controlli serrati, multe e guardie ambientali, ma alle sue tante promesse non sono mai seguiti i fatti e le discariche, anziché diminuire sono aumentate. Ci rendiamo conto che controllare 197 chilometri quadrati di territorio non è cosa facile, soprattutto quando le discariche spuntano in luoghi nascosti e difficili da raggiungere, ma quando i rifiuti vengono abbandonati lungo strade urbane chi amministra non ha giustificazioni. Quindi l’assessore anziché perdere tempo con iniziative sostanzialmente inutili che secondo lei valorizzano l’ambiente, si dedichi alle cose serie e cerchi di risolvere il grave problema delle discariche. Fare delle promesse e poi non mantenerle serve solo a prendere in giro i cittadini. E questo i narnesi per bene proprio non se lo meritano”.


22/2/2011 ore 2:40
Torna su