Lunedì 20/05/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 17:47
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Comunità montane a confronto nel convegno di Arrone dove si parlerà di biomasse e di energia alternativa
Promosso dal GAL dall’Agesa e dalle due Comunità Montane di Terni e Guardea si terrà ad Arrone il 29 ottobre alle ore 9 presso il Centro Espositivo al Vocabolo Isola, un convegno sul tema: “Il progetto calore dalle biomasse agro-forestali energia del sole accumulata dalla piante in sostituzione del petrolio e del gas". Interverranno, oltre al sindaco di Arrone Domenico Rosati che porterà il saluto dell'Amministrazione, il Presidente della Comunità Montana Valle del Nera e Monte S.Pancrazio Enrico Cesani il quale parlerà delle "iniziative relative alla promozione e sensibilizzazione dello sviluppo della biomasse-calore". Seguiranno gli interventi di Matteo Brucchioni, amministratrore Satef, che illustrerà "le potenzialità del Gal Ternano e la relativa filiera di utilizzazione per fini energetici", poi a seguire toccherà a Enrico Vincenti, amministratore SPI, che parlerà delle "Moderne tecnologie per l’utilizzo e la valorizzazione delle biomasse agro-forestali". Cesare Vignoli, Dirigente della Regione dell’Umbria, affronterà invece il discorso relativo alle "Possibilità ed ai criteri di incentivazione regionale verso le fonti energetiche alternative" . Lle conclusioni saranno affidate a Albano Agabiti Presidente del GAL Ternano –Amerino. L’esperienza ha dimostrato che i benefici ambientali, energetici, sociali ed economici sono rilevanti se si organizza l’intera filiera delle biomasse coinvolgendo tutti i soggetti che operano nei diversi settori di competenza in una logica di integrazione e di valorizzazione di interessi comuni che riguardano l’intera collettività. Il progetto di cui si discuterà ad Arrone dimostra la fattibilità di una filiera regionale di biocombustibili solidi che mira all’organizzazione della raccolta delle biomasse residue, di scarto o provenienti da coltivazioni apposite. Dapprima in un'area pilota e di seguito su tutto il territorio regionale da destinare alla produzione di energia termica a scala piccola e media . “L’impegno della Comunità Montana di Terni – ha detto il Presidente Enrico Cesani-ha fatto si che il progetto di sviluppo, dimostrazione e diffusione della filiera regionale umbra dei biocombustibili solidi, si sta avviando verso la sua fase conclusiva, tra le prospettive vanno segnalate da un lato la progettazione di strutture per la raccolta, selezione e la commercializzazione di biomasse vegetali da destinare al mercato dell’energia, e dall’altro, la possibilità di fornire agli utenti pubblici o privati, non solo il combustibile, ma anche un vero e proprio servizio calore intendendosi con esso un pacchetto completo che comprende la fornitura dell’impianto, del biocombustibile e della necessaria manutenzione ed assistenza, svincolando così’ l’utente da qualsiasi onere diretto o indiretto. Per questi motivi la Comunità Montana di Terni si è attivata in modo determinante per la realizzazione di tale progetto che non risponde solo agli obiettivi del Programma Regionale, ma assume un valore sostanziale per le ricadute occupazionali e i benefici ambientali ad esso collegato “

25/10/2003 ore 14:10
Torna su