Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:04
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Cavicchioli si schiera contro il maxidecreto sull'amianto che danneggerebbe, secondo lui, molti lavoratori della nostra Provincia
Il provvedimento riguardante i benefici previdenziali per i lavoratori esposti all’amianto, inserito nel “maxidecreto” del Governo, crea notevoli problemi a numerosi lavoratori del nostro territorio provinciale che hanno già ricevuto il riconoscimento dell’esposizione a questa sostanza da parte dell’INAIL”. E’ quanto sostiene il Presidente della Provincia di Terni all’indomani del varo dell’art.47 del decreto legge approvato recentemente. “Molti lavoratori –prosegue Cavicchioli- avevano già posto in essere un percorso per giungere al pensionamento con evidenti, pesanti riscontri negativi per loro e per le dinamiche delle aziende interessate: AST ed altre realtà provinciali. Il provvedimento è contrario a basilari principi di cultura giuridica, volti a salvaguardare i diritti acquisiti, introduce elementi fortemente peggiorativi che penalizzano i diritti dei lavoratori, sia per quanto riguarda la quantificazione del beneficio che per l’accesso al regime previdenziale, penalizza le aziende che, sulla base della legislazione precedente, avevano improntato la programmazione dei flussi occupazionali e si ripercuote negativamente sui giovani in attesa di lavoro”. Cavicchioli ha inviato una richiesta formale ai Parlamentari umbri per iniziative ed interventi volti ad eliminare il provvedimento introdotto dal Governo e a ripristinare una corretta situazione dal punto di vista legislativo, giuridico e socio-economico.

3/10/2003 ore 13:32
Torna su