Martedì 11/12/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:27
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Capitone: la Caritas diocesana accoglie in paese undici cristiani eritrei perseguitati
Arrivano dall’Eritrea gli undici cristiani perseguitati accolti dalla Caritas di Terni-Narni-Amelia e dall’associazione di volontariato San Martino. L'accoglienza è inserita nell’ambito del progetto dei "Corridoi umanitari". Esso è realizzato dal Ministero degli Esteri Italiano, dalla Conferenza Episcopale Italiana attraverso la Caritas Italiana e dalla Comunità di Sant’Egidio. Il progetto prevede il trasferimento protetto in due anni di migliaia di famiglie del Corno d'Africa, che fuggono dalla tirannia, dalla guerra, dalle malattie e dalla povertà assoluta. La Caritas di Terni-Narni-Amelia, nella struttura di Capitone di Narni, nei giorni scorsi, ha accolto due famiglie composte da tre adulti e otto minori, dai 4 ai 14 anni, che sono state scelte come protagoniste del docufilm di TV2000 che saranno seguite nei vari momenti della loro vita in Italia e del loro percorso d’inserimento. Lo scopo del progetto "Rifugiato a casa mia" non è solo quello di accogliere persone che fuggono da violenza e povertà, ma avviarle in un percorso di integrazione e autonomia, attraverso la formazione linguistica e l'inserimento dei genitori nella società e nel mondo del lavoro, coi bimbi che saranno affiancati anche dal punto di vista scolastico e gli adulti per quello lavorativo, assicurando agli undici profughi eritrei assistenza da parte delle suore africane della Nostra Signora dell’Incarnazione, che vivranno con loro nella casa, e di beneficiare della mediazione linguistica e di sostegno degli operatori della Caritas-San Martino e cure mediche adeguate. «Il progetto nasce dal protocollo di intesa con lo Stato italiano, siglato dalla Comunità di Sant’Egidio e dalla eiI – spiega il direttore della Caritas diocesana Ideale Piantoni - finanziato con fondi dell’ 8xmille, che prevede nuovi canali sicuri e risposte durature a protezione dei migranti e dei rifugiati. Come Caritas diocesana ci è stata data la possibilità di accogliere e accompagnare queste due famiglie Eritree per un periodo più o meno lungo e poi, quando ci saranno le condizioni per il ritorno nel loro paese d’origine. E’ una forma di accoglienza che trova riscontro anche nelle parole di Papa Francesco, che da due anni invoca l'adesione ai Corridoi Umanitari e che invita sempre alla preghiera come segno di vicinanza alle popolazioni dell’Africa. A tutti gli abitanti di Capitone di Narni, alle Istituzioni del territorio ed a tutti noi della Caritas Diocesana, il compito morale e sociale di seguire le famiglie Eritree ed accompagnarle con preghiere e con il concreto impegno giornaliero per favorirne l'integrazione».
19/3/2018 ore 2:45
Torna su