Sabato 11/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:58
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Calvi dell'Umbria: ancora problemi sulla strada del Passatore, buche e fango creano disagi e pericoli per gli automobilisti
Non pare destinato a cambiare il destino della strada del Passatore che per la funzione che riveste si č trasformata, nel giro di una ventina di anni, da strada di campagna ad importante arteria di collegamento tra Calvi dell'Umbria e il casello autostradale. Il tratto finale della strada, quello che va ad intersecarsi con la statale Flaminia, č di nuovo pieno di buche e sono giā molti gli automobilisti che hanno riportato dei danni ai loro mezzi, rischiando anche di farsi male. La storia della strada del Passatore č ormai nota: essa appartiene per il 90% al Comune di Calvi che quindi deve accollarsi la manutenzione, ma nell'ultimo tratto c'č una piccola porzione che, per una bizzarria geografica, č di proprietā del comune di Gallese (Vt) al quale poco importa delle buche e di tutto il resto. Il sindaco del Comune di Calvi, Silvano Lorenzoni, va da tempo chiedendo alla Provincia di Terni di accollarsi quella strada che per le sue caratteristiche meriterebbe di sicuro una "promozione", ma i tempi sembrano lunghi e poi c'č da risolvere la grana di quel tratto laziale che rimarrebbe di fatto una sorta di terra di nessuno. Non sono solo le buche a far scattare le continue proteste degli automobilisti che ogni giorno utilizzano la strada del Passatore per fare avanti e indietro con la Flaminia e con il vicino casello dell'Autosole; in molti si lamentano, infatti, anche delle grosse chiazze di fango lasciate sull'asfalto dai trattori e dagli altri mezzi agricoli che appartengono alle numerose aziende presenti nella zona e che rende in molti punti il fondo stradale sdrucciolevole e quindi pericoloso. Ma anche in questo caso non sembrano esserci soluzioni e dunque la protesta della gente si perpetua rischiando di diventare una noiosa litania.



11/3/2008 ore 12:58
Torna su