Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:44
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Borgheria: cavo elettrico si sgancia dai pali di sostegno, ma il Comune non interviene: "deve pensarci l'Enel". La gente ha paura
Il rischio della tragedia si nasconde in quel cavo elettrico che da alcuni giorni, sicuramente troppi, ciondola nei pressi della vecchia torre che si erge al centro del paese di Borgheria. Un cavo che, probabilmente a causa del vento, si è sganciato dagli ancoraggi e che ora penzola ad altezza uomo lungo il muro. Tante le segnalazioni fatte dai cittadini in Comune e all’Enel ma fino ad oggi nessuno ha ritenuto di intervenire ed il pericolo mortale è sempre lì. Della questione ha provato ad interessarsi anche il consigliere comunale Alfredo Di Paolo (Pdl) che è intervenuto nell’ultima seduta del Consiglio, facendo presente il problema. “Ho anche telefonato un paio di volte all’assessore ai Lavori Pubblici Simona Bozza – riferisce Di Paolo – la quale mi ha detto che la competenza su quel cavo elettrico è dell’Enel e non del Comune. Non mi pare questa una risposta da dare a dei cittadini preoccupati, che girano alla larga da quel cavo strappato, dove passa tanta corrente elettrica, quanta ne basta per rimanervi fulminati”. Insomma sembra essere una questione di semplice carattere burocratico ad impedire un intervento estremamente semplice che basterebbe però a mettere in sicurezza quell’angolo di Borgheria che in questi giorni è molto temuto dagli abitanti. I genitori impediscono ai bambini di passare lungo la strada dove si trova il cavo penzolante e anche ai più anziani è stato detto di girare alla larga da quel pericoloso filo. Di Paolo assicura che andrà fino in fondo: “il cavo deve essere rimesso al suo posto. Se non fosse che appartiene ad una linea pubblica lo avrei fatto personalmente; certo è che il rischio che qualcuno possa rimanervi attaccato è grande davvero, ma la delusione maggiore è data dal fatto che di fronte a un problema così piccolo ma importante nessuno ritiene giusto intervenire”.
30/3/2009 ore 1:35
Torna su