Venerdì 17/08/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:19
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Amelia: completati i lavori di rifacimento della facciata dell'ospedale "Santa Maria dei Laici"
Attraverso un importante investimento e complessi interventi finalizzati al recupero architettonico di un edificio storico di pregio, l’Azienda Usl Umbria 2 ha restituito alla città di Amelia una struttura ospedaliera con facciata completamente rinnovata, perfettamente in tono con il resto delle strutture pubbliche e private che si affacciano su piazza Matteotti. L’intervento di rifacimento della facciata, effettuato in accordo con la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria, ha previsto una corposa manutenzione straordinaria dell’immobile di carattere puramente conservativo e di recupero di tutti gli elementi architettonici, con il mantenimento dell’aspetto formale delle facciate come consolidato nel tempo. Alla completa demolizione e al successivo rifacimento dell’intonaco, ad eccezione degli elementi architettonici pregiati a stucco e ad intonaco, sono seguiti la rimozione e la sostituzione di parte degli infissi esterni, la posa in opera di nuovi canali di gronda e pluviali, l’installazione di nuove persiane. “Abbiamo mantenuto gli impegni che la precedente e l’attuale direzione aziendale avevano assunto con i cittadini di Amelia e con le ultime due amministrazioni comunali - dichiara il direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 dr. Imolo Fiaschini - attraverso la riqualificazione strutturale della facciata di un pregevole edificio del ‘400, il ‘S. Maria dei Laici’, che rappresenta un patrimonio storico per la comunità cittadina ma anche una struttura sanitaria in grado di poter offrire servizi e risposte di qualità ai nostri utenti”. Proprio in questi giorni il direttore generale ha smentito categoricamente, definendole “totalmente prive di fondamento” fantasiose ipotesi, circolate in città e apparse su alcuni organi di informazione, di chiusura del punto di primo soccorso, di spostamento di ambulanze appena acquistate, di depotenziamento di equipaggi del 118 ed altro, ribadendo la centralità di “un servizio fondamentale per la comunità cittadina e per il territorio oltre che punto di accesso ai reparti ospedalieri al centro, proprio in queste settimane, di significative attività di potenziamento come l’ampliamento del servizio di emodialisi con quattro nuovi posti letto e l’ingresso di due unità infermieristiche”. Allo stesso modo viene assolutamente stigmatizzata anche la deprecabile “tecnica comunicativa” utilizzata nei giorni scorsi in una pagina facebook sottoscritta da due politici amerini che mostra, ovviamente in modo artato e fuorviante, una foto della facciata dell’ospedale risalente ad almeno un anno fa, in modo da insinuare subdolamente un aspetto “decadente” della struttura.
14/6/2018 ore 12:57
Torna su