Martedì 23/05/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:45
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Vicenda Asit, Mercuri risponde a Bruschini: "non ci sarà nessun aumento della Tari per i cittadini"
"Un’accozzaglia, di inesattezze e di strumentalizzazioni, oltre agli ormai ripetitivi 'errori di attribuzione' delle cause e dei meriti". E' il vice sindaco Marco Mercuri (Psi) a parlare, riferendosi aai partiti dell'opposizione."Senso di responsabilità della minoranza? - dichiara Mercuri -. Lo stesso senso di responsabilità che ha votato, qualche tempo fa, contro la ricapitalizzazione dell’Asit? Peccato che, se tutto fosse stato all’epoca rimesso alle scelte della minoranza, oggi sarebbe perfino cessata la materia del contendere e ci troveremmo tutti mestamente a cena in tribunale, ingurgitando insipidi brandelli di libri contabili in seguito al fallimento dell’Asit stessa. Serve coraggio per utilizzare il termine 'responsabilità' in questo modo. Dove è quell’onestà intellettuale che dovrebbe contraddistinguere il 'buon amministratore' della cosa pubblica, da quello biasimevole? Le domande implicite che Sergio Bruschini propone sulla stampa hanno già ricevuto chiara risposta in altre sedi. L’Iter che sta portando nella direzione della trasformazione di Asit in Azienda Speciale, ha un lungo corso durante il quale sono intervenuti, in primis, modificazioni al quadro normativo nazionale nell’ultimo anno. Ci dispiacerebbe, come Partito Socialista di Narni, incrinare il 'super-ego' di qualcuno, ma nessun ruolo ha giocato la Bruschini & Co in questo. Sarebbe follia pensare il contrario. La stessa che riesce a ventilare ipotesi di aumenti delle bollette della Tia per il 2017, un tributo abolito già dal 2012, trasformato in Tares e quindi in Tari dal 2014. Inoltre, pur volendo ammettere l’errore come 'svista', le tariffe Tari deliberate dal Comune di Narni per il 2017, sono il 7/8% più basse di quelle del 2015 e 2016, e questo è sotto gli occhi di tutti, basta guardare i dati ufficiali. E altri numeri sparati come ritardatari coriandoli in tempo Pasqua: 370mila euro, non è per caso che Bruschini guardato la riga sbagliata, quella riferita all’accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità? Siamo seriamente al passaggio dall’armonizzazione contabile alla populista strumentalizzazione contabile? Parafrasando 'è arrivato l’arrotino…' non è che magari è arrivato 'lo strillone'? Il Partito Socialista di Narni - conclude Mercuri - non è sordo, ci sente benissimo, peccato le urla siano povere di contenuti".
15/4/2017 ore 3:15
Torna su