Giovedì 17/08/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:36
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Verso le elezioni, Lorenzo Lucarelli (Pd): "Sappiamo quanto la città si aspetti molto da noi"
"Siamo coscienti che la città si aspetti molto da noi. Quindi non sfuggiremo alle nostre responsabilità di candidarci nuovamente con compiuta convinzione e consapevole forza a guidarla per i prossimi 5 anni". A parlare così è il capogruppo del Pd Lorenzo Lucarelli, che in questo caso fa da portavoce al pensiero comune del Pd narnese. "È altrettanto chiaro - aggiunge Lucarelli -, che nella primavera del 2017 a Narni si assisterà a una campagna elettorale le cui anticipazioni di questi mesi fanno già intuire quell'assalto alla diligenza fatto di tanto rumore, polvere di cavalli, minacce, grida e tanta frenetica confusione. La cultura del contro, del sospetto, del 'no', delle semplificazioni, sono buone per un 'mi piace' sui social e non certo per governare la complessità della nostra epoca. Parlare di contenuti è diventato un problema in questo mondo di improvvisazione e superficialità o di goffi tentativi di finto ‘nuovismo’. Del resto, nel mondo e in Europa prendono di nuovo la scena movimenti e partiti nazionalisti ispirati all'odio sociale, all'egoismo interno, allo scontro ideologico, che usano temi, pratiche, linguaggi che nel secolo scorso hanno portato i popoli europei alle due fratricide catastrofi belliche. Narni, seppur con le proprie specificità, è dentro questo contesto e la partita che giocheremo tra qualche mese è molto più grande rispetto al recente passato perché i cittadini saranno chiamati a scegliere non soltanto un sindaco e una maggioranza ma due modelli alternativi. Uno, il nostro, che propone una visione di città di lungo periodo e che si misura con la complessità e i problemi reali dei narnesi, assumendosene il peso, anche degli insuccessi e degli errori, e l'altro, di chi, privo di responsabilità è libero d'inseguire il consenso, che promette facili paradisi, soluzioni banali, ricette improvvisate e perciò pericolose. Questa è la scelta sulla quale dovranno meditare i narnesi, questa è la partita sulla quale chiediamo l'impegno di tutti coloro che come noi amano Narni. Muovendo da questo apriremo, dopo le feste, un confronto con la città, il territorio, le parti sociali e politiche, l'associazionismo, le imprese, per fondare insieme un nuovo patto per Narni, un nuovo programma condiviso, ambizioso ma con solide radici concrete".
20/12/2016 ore 4:23
Torna su