Mercoledì 26/04/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:04
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Testaccio: il Comune attiva un ponte radio per la telefonia mobile, stanno per finire i disagi dei residenti
A Testaccio e nelle zone limitrofe è destinato ad avere fine il tormento dei cittadini che lamentano da anni la scarsa presenza dei segnali di telefonia cellulare. Nei prossimi giorni, infatti, non appena ricevuto il via libera dalla Comunità Montana, potrebbero infatti partire i lavori per l'installazione sul monte sovrastante la frazione, già sede di ripetitori di pubblica utilitità, di un ponte in grado di fornire la copertura di telefonia mobile nel quartiere narnese. Marco De Arcangelis, assessore allo Sviluppo Territoriale ha improntato tutte le pratiche necessarie per la predisposizione del ponte radio necessario a garantire unpadeguata copertura per la rete di telefonia cellulare. Un'operazione, tra l'altro, a basso costo e già predisposta con tanto di certificazioni sull'inquinamento ambientale e che De Arcangelis ha risolto nel giro di pochi giorni. Si andrà così a risolvere un problema grosso che assilla da anni i cittadini narnesi di quella zona. La Giunta De Rebotti ha dunque dat subito risposta a questa esigenza installando sulla collina di Testaccio, dove sono già i ripetitori delle televisioni nazionali, un altro ponte radio in grado di offrire copertura telefonica pare fino alla tecnologia '3G' per gli smartphone e i tablet di ultima generazione. Si aspetta quindi solo l'ok della Comunità Montana per ritagliare uno spazio fisico dove installare la tecnologia necessaria a generare il segnale agganciandosi alle celle vicine. Il prossimo passo sarà la connessione Wi-fi. Il consiglio comunale ha approvato già un progetto del consigliere Giovanni Rubini per una rete libera sia nel centro storico che in tutti gli agglomerati urbani del vasto territorio narnese. Finora a Testaccio i cellulari erano praticamente inutilizzabili sia nella zona vecchia che in quella nuova. Passato il centro storico il segnale sparisce poco prima della frazione per ricomparire nei pressi di Madonna Scoperta. E per la connessione internet anche chiavette e Adsl da cavo telefonico erano pressoché inutili.
22/9/2012 ore 6:46
Torna su