Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: il ministero finanzia per 16 miliardi di vecchie lire i lavori di bonifica degli ex stabilimenti di Papigno e dell'ex lanificio Gruber
Il Ministero dell'Ambiente ha confermato gli 8 milioni e 56mila euro di finanziameto a fondo perduto per la bonifica dell'area dell'ex stabilimento di Papigno e dell'ex Lanificio Gruber, sulla base delle proposte avanzate dal Comune di Terni in collaborazione con l'Arpa. In particolare, durante la conferenza di servizio che si è svolta a Roma nei giorni scorsi, è stata condivisa la procedura della messa in sicurezza d'emergenza di alcuni edifici nel sito dell'ex stabilimento di Papigno. Per attivare questa procedura il Comune, attraverso l'assessorato all'ambiente, provvederà con un gruppo di lavoro e con la consulenza dell'Arpa a progettare e successivamente ad appaltare entro il 2004 i lavori per un importo complessivo di oltre 3milioni e 100mila euro. Questa prima parte dell'intervento consentirà di smaltire i rifiuti attualmente presenti all'interno degli edifici. In seguito lo stesso gruppo di lavoro provvederà alla redazione dei piani di caratterizzazione che riguarderanno anche la bonifica del sottosuolo. Intanto, nel corso della conferenza di servizio, è stata accettata anche la riperimetrazione dell'area interessata dagli interventi di bonifica. In particolare sono state escluse alcune zone agricole non direttamente interessate dagli impianti industriali e che non sono risultate inquinate. Nell'area perimetrata sono invece ricompresi alcuni impianti privati, come quelli della Thyssen Krupp, dell'Enel e di Endesa, che dovranno provvedere anch'essi alla redazione di piani di bonifica. E' quanto hanno comunicato stamattina nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Palazzo Spada l'assessore comunale all'ambiente Gianfranco Salvati e i tecnici del Comune e dell'Arpa regionale. "Attraverso questa complessa, ma necessaria procedura - ha sottolineato Salvati - la città potrà riappropriarsi di aree industriali dismesse, che in futuro potranno avere un utilizzo di tipo sociale".
11/3/2004 ore 16:35
Torna su